Cerca

Berlino all'angolo

Doppio schiaffo alla Merkel
Ue e borse si ribellano

Dopo il tonfo di venerdì, la Borsa di Francoforte continua a perdere. I leader Ue invocano gli eurobond. Angela sempre più sola

Doppio schiaffo alla Merkel
Ue e borse si ribellano

 

La strategia suicida della Germania comincia a ritorcersi contro la cancelliera del rigore, Angela Merkel. La linea dura di Berlino - no agli eurobond, prima delle misure per la crescita quelle per salvaguardare i bilanci, e sforzì sì, ma fino a un certo punto, per salvare Atene - ha innescato una caduta massi. Dopo il tracollo del Dax di Francoforte dello scorso venerdì, la locomotiva tedesca sbanda ancora e rischia di deragliare dai binari borsistici: l'indice tedesco retrocede di altri 1,19 punti percentuali. La nuova flessione è arrivata alla chiusura di una giornata di contrattazioni in cui il paniere principale di Milano, l'Ftse Mib, è salito dell'1,66%; bene anche Parigi in progresso dello 0,59%, mentre Londra ha chiuso in perfetta parità. 

Stop alle politiche recessive - La Germania è un Paese che vive di esportazioni: i teutonici prodotti arrivano negli altri paesi europei, negli altri Paesi dell'Eurozona e negli altri continenti. La Merkel ha deciso di tenere duro e spingere i partner della moneta unica verso il baratro: spalleggiata dalla Bce (che poi, sotto la guida Draghi, ha ammorbidito le sue posizioni) ha costretto i Paesi Ue a politiche recessive. A una recessione vera e propria. Ora però i segnali di flessione arrivano anche dal Dragone cinese e da altri big emergenti, come India e Brasile. Pure il presidente Usa, Barack Obama, ha spiegato: "La crisi dell'economia in Europa ha gettato un'ombra sulla nostra economia". La crisi è globale, e in un contesto sempre più desolante anche la Germania si scopre stretta all'angolo: la Borsa perde capitalizzazione, i leader mondiali puntano il dito contro la linea del rigore.

Nuovo 'nein' agli eurobond - Ma ancora non basta. La Merkel ha la testa dura. Gli eurobond, i titoli di debito comunitario, vengono invocati un po' da tutti: li vuole Monti come li voleva Tremonti, ora spinge per le cedole anche il francese Hollande, e sulla misura si coagula  il consenso della maggioranza dei Paesi dell'eurozona, degli economisti e degli istituti. Il "nein", però, viene ribadito: "Il vostro debito - spiega Berlino - non lo vogliamo". Meglio la morte. L'ultima chiusura in mero ordine di tempo è stata quella di Steffen Seibert, il portavoce del governo di Berlino, secondo il quale gli eurobond non offrono una soluzione ai problemi attualmente attraversati dall'Eurozona e saranno una strada percorribile soltanto "tra diversi anni", nell'ottica di una sempre maggiore integrazione dei paesi dell'unione monetaria. 

Doppio schiaffo - Peccato però che le elezioni, in Germania, non saranno tra diversi anni, ma tra pochi mesi. I tedeschi verranno chiamati alle urne nel 2013, e le avvisaglie che arrivano dai land, per la cancelliera, sono tutt'altro che positive: le ultime consultazioni nel Nord Renania Westfalia hanno segnato una sconfitta storica, una debacle senza precedenti. Anche gli elettori tedeschi - e più di tutti quelli dei distretti industriali - sono stufi di lei. I leader europei e mondiali pure. Ora però si assiste a un cambio di paradigma. Ora corre un rischio anche la Germania, le sue imprese, il tessuto imprenditoriale basato sulle esportazioni. Le preoccupazioni per ora si traducono in un segnale, la doppia flessione in Borsa. Ed è curioso notare come il calo del Dax sia arrivato prorpio mentre i listini premiavano i Paesi più in crisi, spinti dalle voci sul piano salva-banche inviso a Berlino (che riceve un doppio schiaffo: dall'Europa e dai mercati).

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Obiettore

    Obiettore

    05 Giugno 2012 - 12:12

    Idiozia del giorno. Si mettano fuori corso gli euri in circolazione a far data 31/12/2012 e ristampiamone NUOVI con limitazioni opportune (specie all'estero.....) per la sostituzione.

    Report

    Rispondi

  • arch

    05 Giugno 2012 - 09:09

    ...possano risolvere il problema.Non penso che immettendocedole che costano poi interssi l'economia possa ripartire. da ignorante quale sono penso che il modo per far ripartire un economia sia quello di dare più soldi in tasca ai cittadini e nel frattempo tagliare le spese statali e ovviamente gli sprechi. se io ho soldi in tasca li posso spendere o investire in beni durevoli, se non li ho non posso fare niente.Sembra però che questa semplice ricetta non trovi l'approvazione di nessuno.

    Report

    Rispondi

  • ramon57

    05 Giugno 2012 - 00:12

    Da cento anni i tedeschi sono il danno per L'Europa e per il mondo. Prima, seconda, e adesso terza guerra mondiale (anche se finanziaria). Questi la razza ariana non l'hanno mai dimenticata. La loro bravura sconfina sempre nella pazzia più totale. Vedono sempre il dito e non la luna. Non arrivano a capire che fallite la Grecia, la Spagna e a seguire inevitabilmente anche l'euro rimarranno strangolati con la loro stessa corda al cospetto della megapotenze Russia America e Asia. Levateie la birra.

    Report

    Rispondi

  • sfeno

    04 Giugno 2012 - 22:10

    visto che i 17500 dipendenti pubblici in carica per non parlare dei gia pensionati che ancora nessuno ha detto quanti sono l'Italia non riesce piu a mantenere sarebbe comodo farli mantenere all'Europa sto parlando solo della Sicilia e solo di un piccolo esempio

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog