Cerca

Consumi a picco

Monti ha già ammazzato i negozi:
in un anno vendite giù del 7%

Rapporto Istat sul commercio al dettaglio di aprile: il confronto con lo stesso mese del 2011 è il peggiore di sempre

Monti ha già ammazzato i negozi:
in un anno vendite giù del 7%

Giusto alla fine della scorsa settimana, il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli, nel corso della sua relazione annuale, aveva lanciato l'sos dei negozi al governo. Troppe tasse e Iva al 21% hanno riportato i consumi al livello del 1998, aveva denunciato Sangalli. Che poi aveva aggiunto: "Un ulteriore aumento dell'Iva sarebbe una caporetto per il commercio al dettaglio". Parole che trovano una drammatica conferma nei dati che oggi l'Istat (l'Istituto nazionale di statistica) ha reso noti per il mese di aprile: l’indice delle vendite ha registrato una riduzione dell’1,6% su base mensile (cioè rispetto a marzo 2012). L’arretramento congiunturale è il più ampio da maggio 2004, ma quello su base annua è il peggiore addirittura dall’avvio delle serie storiche nel genaio 2001. Rispetto ad aprile 2011, infatti, le vendite di prodotti alimentari diminuiscono del 6,1% e quelle di prodotti non alimentari del 7,1%. Le vendite per forma distributiva mostrano, nel confronto con aprile 2011, una marcata contrazione sia per la grande distribuzione (-4,3%), sia per le imprese operanti su piccole superfici (-8,6%). 

roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    28 Giugno 2012 - 16:04

    ...e non ha più titolo per fiatare in materia di economia!A lui manca il giocattolo Berlusca che gli serviva per tenere viva la sua sindrome.Ora Monti vorrebbe cambiare le regole capestro che il prode Prodi,Ciampi e similari non hanno nemmeno considerato al tempo,che economisti falliti! E' stata una formula capestro per gli italiani,visto il primato del D.P.! Accettando tali regole Ue di sola circolazione delle persone e dei beni e non politica,una Bce che non può espletare appieno i suoi compiti,siamo pure stati fortunati che i nodi al pettine non siano venuti da subito.Hanno preso per il collo gli italiani,con la beffa di far pagare loro,(unici in Europa),una tassa per entrare da subito nell'euro,con la promessa che era una garanzia...ricordiamolo tutti? Si è nascosto agli italiani questo fattaccio e finalmente è chiaro per tutti,(ma non per Imahfu che non arrivava a tanto),che è l'Europa da rifare del tutto in maniera politica.Ora Monti ci prova,come Draghi,di cambiare regole.

    Report

    Rispondi

  • PETTIROSSO

    26 Giugno 2012 - 18:06

    Anche questo è sintomo di “risparmio oculato o forzato” ma certo si fa fatica ad arrivare a metter da parte un euro a fine mese… grazie a Monti/Merkel!!!

    Report

    Rispondi

  • ateo39

    26 Giugno 2012 - 18:06

    tutta salute. Colestrolo, trigliceridi, glicemia in caduta libera. Ricordo un commento letto qui che, riferendosi a qualcosa di simile circa la limitazione dei consumi, più o meno diceva " in fondo una grande percentuale di Italiani soffre di obesità " e non vorrei sbagliare ma non era di sinistra. Almeno lui sarà contento, anche se credo non faccia parte di chi limita i consumi, vista la acuta osservazione.

    Report

    Rispondi

  • ateo39

    26 Giugno 2012 - 16:04

    tutta salute. Colestrolo, trigliceridi, glicemia in caduta libera. Ricordo un commento letto qui che, riferendosi a qualcosa di simile circa la limitazione dei consumi, più o meno diceva " in fondo una grande percentuale di Italiani soffre di obesità " e non vorrei sbagliare ma non era di sinistra. Almeno lui sarà contento, anche se credo non faccia parte di chi limita i consumi, vista la acuta osservazione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog