Cerca

Europa in mano alla Germania

I tedeschi vogliono votare
sul futuro dell'euro

Secondo il settimanale Der Spiegel, il governo guidato dalla Merkel avrebbe intenzione di indire un referendum sulla moneta unica

I tedeschi vogliono votare
sul futuro dell'euro

Il destino economico di un intero continente in mano ai pregiudizi di un solo popolo. È il rischio che corre Eurolandia se le indiscrezioni diffuse ieri dallo “Spiegel” venissero confermate dai fatti: il governo tedesco, scrive il periodico, ha intenzione di indire un referendum sull’euro. I continui “nein” della cancelliera Angela Merkel alla condivisione del debito tra tutti i Paesi che utilizzano la moneta unica, non sono altro che il riflesso delle posizioni del suo elettorato. Elettorato che ha fatto proprie le idee dei falchi di Berlino: la Germania non pagherà il conto per i Paesi spreconi e indebitati. Serve a poco sottolineare che l’Italia, per esempio, ha contribuito pesantemente a rimpinguare quel fondo salva-Stati che ha finanziato i governi in difficoltà. Così come è dura far capire all’opinione pubblica teutonica che la crisi dei Paesi periferici sta facendo la fortuna della Germania (i loro tassi sul debito  non riflettono il reale livello di rischio). L’incertezza in cui annaspano i  mercati finanziari sta facendo la loro fortuna. Cosa potranno mai dire i tedeschi dovessero essere chiamati a esprimere il loro parere?

Leggi l'articolo integrale di Antonio Spampinato su Libero in edicola oggi 11 agosto

berlino

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    11 Agosto 2012 - 13:01

    Indirono un referendum sull'adozione dell'Euro e della loro entrata in Europa.Hanno detto si e pertanto sono cavoli loro.Da noi,invece la decisione è venuta dalla Salumeria Nazionale,che ha anche negoziato il cambio.PER CUI SONO CAVOLI NOSTRI.Se da noi non è stato fatto il referendum ,vuol dire che LA CARTA NON lo prevede.E di questo,mortacci loro,lo dobbiamo ai Padri della Patria,di cui uno è ancora in piedi perchè manco il diavolo lo vuole.Ma li perdoniamo perchè non sapevano che c***o stavano facendo nel '45..La sfera magica arrivo' attorno al 1978...nel caso di Via Gradoli,quando dietro le indicazioni della sfera una manina mise dietro ad un calorifero certi documenti.....Usata per consulti vari,non è stata mai pulita...Ed è venuto fuori questo ABORTO di Europa.

    Report

    Rispondi

  • antikomunista10

    11 Agosto 2012 - 10:10

    Il referendum - sacrosanto per una decisione così importante - sarebbe giusto ed il risultato sarebbe scontato : Fuori dall'Euro se dallo stesso non ne escono i PIIGS. Ma non credo si farà perché a Settembre la corte costituzionale germanica dirà (scontato anche questo), no al fondo EFSF-EFM e questo segnerà l'uscita immediata per default dei PIIGS. Silvio è l'unico ad averlo ben chiaro, ma i suoi inviti a prepararsi per gestire l'inevitabile non vengono ascoltati. E così ci troveremo di fronte ad un cambio traumatico e rapidissimo (in una notte !) senza averne gli strumenti. Ecco cosa vuol dire aver sostituito il più grande statista mai apparso in Italia con un funzionario di banca abituato ad eseguire ordini piuttosto che a impartirli, come le circostanze richiederebbero. In pratica siamo una nave senza timoniere sospinta contro gli scogli su cui si sfracellerà. Buone vacanze a tutti.

    Report

    Rispondi

  • encol

    11 Agosto 2012 - 10:10

    Più volte è stato scritto su questo giornale che non può esserci unione tra popoli diversi per storia, usi e costumi in nome della moneta. E' una sciocchezza stratosferica buona solo per il mortadella ed altri simili.

    Report

    Rispondi

blog