Cerca

Indice di gradimento

Italiani sempre più lontani dall'Europa, il partito anti-euro sale al 25%

Con la crisi economica la fiducia nell'Ue è crollata al 36 per cento

Per il 38 per cento degli italiani la moneta unica ha peggiorato la qualità della propria vita, solo il 13 per cento ritiene che l'abbia migliorata
Italiani sempre più lontani dall'Europa, il partito anti-euro sale al 25%
Gli italiani sono sempre meno europeisti. Sarà perché l'euro ha peggiorato la qualità della vita e perché l'Unione tutto sembra tranne che unita, sta di fatto che il partito anti euro è salito al 25 per cento.

I dati, riportati oggi da Repubblica, parlano chiaro. L'indice di fiducia nell'Unione europea in Italia è fra i più bassi d'Europa: dal 57 per cento del 2000, alla vigilia dell'euro, è sceso al 52 per cento nel 2006 ed è crollato negli ultimi due anni in seguito alla crisi economica e finanziaria globale. Tanto che oggi siamo al 36 per cento di gradimento. L'euroscetticismo si registra principalmente tra gli elettori di Lega e Fli in primis, ma anche nel Pdl, nell'Italia dei Valori e nel Movimento Cinque Stelle di Beppe Grillo. Più europeisti gli elettori del Pd e dell'Udc.
  
Ma al di là del proprio orientamento politico, secondo il sondaggio Demos, il 39% degli elettori italiani ritiene che l'euro abbia peggiorato la propria vita, solo il 13% che l'abbia migliorata. Il 47 per cento però pensa che si tratti di un male necessrio. Stesso discorso per l'Unione europea. Il partito anti-Ue infatti sale al 25%. Una percentuale considerevole ma comunque inferiore a quelli che pensano che le cose andrebbero peggio se non ci fosse.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    27 Settembre 2012 - 10:10

    In questo momento di crisi globale è realmente una impresa con troppe incognite. A mio parere andrebbe fatto congiuntamente e per gradi. La situazione è tale che se un solo paese lascia anche gli altri pagheranno pesantemente. Per uscirne partendo dai paesi più indebitati avviare una fase di riduzione del debito riducendo il valore dell'euro. Questo un primo passo, successivamente predisporci per un Euro a 2 velocità per un periodo sufficiente a che le economie di tutti i paesi membri siano pilotate al livello compatibile. A questo punto ma con meno dolore si può decidere sul da farsi.

    Report

    Rispondi

  • piccionesecco

    25 Settembre 2012 - 11:11

    Bravo Signorini, ottima analisi: è risaputo, per chi si intende di economia che l'europa è partita male col mortadella, che ha svenduto tutto quello che funzionava in Italia, e se svenduto anche lui quel coglione. Abbiamo negli ultimi anni una classe politica di komunisti smidollati, corrotti, incapaci, che non sanno rappresentarci... ci vuole la ridiscesa in campo del Cavaliere che scacci il mortadella e tutti i komunisti dai posti di potere in Sicilia, in Campania, in Lombardia, nel Lazio ed in tutta Italia!

    Report

    Rispondi

  • ghino47

    24 Settembre 2012 - 22:10

    Colossi economici forti dei loro POLITICI TUTTI D'UN PEZZO ONESTI E COLTI. Bè... è proprio vero che se vivi abbastanza ne senti di tutti i colori. Pensare che negli altri paesi non accada di tutto è da ingenui, a dire poco. Pensare che quelli che siedono nel parlamento europeo o nella BCE o in qualsiasi altra istituzione siano tutti di un pezzo onesti e colti è da pirla. Certo che l'Italia sarebbe competitiva ed è italietta solo per chi non sa nulla e non produce nulla. Certo che lo spettacolo dei politici è vergognoso ma continuare a dire che saremmo falliti è una minchiata clamorosa. La politica attuale è quella di distruggere tutto il tessuto delle PMI che portano il Made in Italy, che i colossi non hanno, nel mondo. Al loro posto multinazionali americane e inglesi. Naturalmente a te non interessa.

    Report

    Rispondi

  • z.signorini

    24 Settembre 2012 - 21:09

    Diciamo le cose come stanno: l'europa è partita male con mortadella, ha fatto quanto di peggio poteva fare, come ha sempre fatto, a svenduto tutto quello che funzionava bene o male in Italia, e se svenduto anche lui quel coglione. Abbiamo una classe politica di smidollati, corrotti, incapaci, che non sanno rappresentarci...e dopo si aspettano che gli italiano siano contenti dopo tutte le inculate che hanno preso.....ma che vadano a cagare questo fecciume umano......

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog