Cerca

La bordata

Squinzi, decreto sviluppo: "E' solo un aperitivo. Bisogna accelerare"

Giorgio Squinzi, il leader degli industriali, torna all'attacco: "L'esecutivo deve accelerare. Se non diminuisce la pressione fiscale perde credibilità"

Giorgio Squinzi

Giorgio Squinzi

Uno dei più fieri oppositori del governo Monti è il leader di Confindustria, Giorgio Squinzi, che torna all'attacco. Nel mirino c'è il decreto sviluppo, che secondo il numero uno di Viale dell'Astronomi contiene "misure troppo timide che non vanno oltre l'aperitivo". Non possono, dunque, "saziare la fame delle imprese". Una battuta che boccia, senza appello, l'ennesimo provvedimento spot del governo. "Trovo tutto abbastanza timido - ha detto il leader degli industriali - . Lo considero un aperitivo, c'è molta timidezza: dobbiamo accelerare il passo". Quindi una seconda mazzata contro i tecnici e le loro tasse: "Il governo Monti sarebbe poco credibile se non alleggerisse il carico fiscale". Secondo Squinzi, oltre a una riforma fiscale, l'esecutivo deve intervenire riducendo tasse e cuneo fiscale per le imprese. "Sicuramente noi non staremo zitti - ha avvertito -. In questo momento ognuno deve fare il proprio dovere. Siamo pronti a impegnarci a fare tutto quello che è possibile fare, ma il governo non può chiederci di fare delle cose e poi defilarsi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianko

    06 Ottobre 2012 - 14:02

    sarà xchè l'ho conosciuto assieme a suo padre, quando nel '69 (era appena laureato in chimica) nel suo stabilimento alla Bovisa lo vidi rimescolare in un bidone (stavano facendo delle prove) la ditta in cui lavoravo era sua cliente e comprai una idropittura che, a detta dell'imbianchino che la usò, era molto meglio del Ducotone.. poi la sua ditta la Mapei è diventata un colosso a livello mondiale.. comunque le troppe tasse dipendono anche dalla troppa burocrazia.. ho sottomano le mie dichiarazioni dei redditi 17 PAGINE (senza contare tutti i documenti allegati, fatture attive passive, ammortamenti, ecc..) 120.000 LEGGI O NORME FISCALI!! e poi arrivano i saputelli (MAGARI DIPENDENTI PUBBLICI) a ripetere la solita MENZOGNA che le tasse le pagano solo i dipendenti.. guarda caso la CGIA di Mestre (sindacato di sx degli artigiani)afferma dati alla mano, che i dipendenti, col doppio lavoro (pre crisi) evadono alla grande (E FANNO BENE PIU'TASSE VUOL DIRE PIU' SOLDI X I LADRI DI STATO)

    Report

    Rispondi

  • emigratoinfelix

    06 Ottobre 2012 - 10:10

    ...vanno abbassate,il cuneo fiscale ridotto,e la burocrazia che strangola le attivita' semplificata al massimo.e tutto cio' speta o spettera' farlo al governo di turno.ma non e' sufficiente;il j'accuse lanciato dai confindustriali suona alle mie orecchie un po manicheo e falso:per attivare un processo di vera ripresa,e' indispensabile che gli industriali italiani inizino a riconsiderare la politica di delocalizzazione selvaggia che han portato avanti negli anni,e soprattutto che inizino a pensare di rimpatriare almeno parte dei capitali esportati legalmente o illegalmente all'estero,per investire in ricerca e nuove tecnologie.Solo cosi' torneranno ad esser competitivi assicurando lavoro non precario ed innescando un virtuoso processo di rinascita economica.Devono uscire dalla sempiterna ottica di piangersi addosso per ottenere denaro pubblico,magari sotto forma di ammortizzatori sociali:non e' possibile che gli utili siano loro ed i problemi invece pesino sulle spalle del paese

    Report

    Rispondi

  • encol

    06 Ottobre 2012 - 08:08

    Si scaldi Squinzi Lei come me e molti altri imprenditori ha capito che siamo in mani sbagliate. Non possiamo dare altri crediti ad un governo che ha distrutto l'economia reale di un paese in 9 mesi e Lei sa bene che non si potrà più ricostruire. In 9 mesi hanno distrutto il know-how delle piccole e piccolissime imprese fiore all'occhiello degli italiani riconosciuto ed apprezzato in tutto il mondo. Al ritorno da un recente viaggio posso dire che siamo passati dal rispetto del nostro saper fare a popolo di LADRI- Tutti chiedono come sia possibile che in italia la politica sia formata da ladri di questo livello-

    Report

    Rispondi

  • uliclin

    06 Ottobre 2012 - 07:07

    é l'unico che dice qualcosa di sensato e che ha le p@lle!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog