Cerca

La decisione

Chiesa e Imu: il consiglio di Stato boccia il governo

Per i giudici di Palazzo Spada non spetta al governo di dare generale attuazione alla nuova disciplina dell’esenzione Imu per gli immobili degli enti non commerciali

Chiesa e Imu: il consiglio di Stato boccia il governo

Il ministro dell'Economia Vittorio Grilli sfida la Chiesa e il Consiglio di Stato: tutti devono pagare l'Imu, bisogna solo trovare la "soluzione tecnica adeguata". L'obiettivo del governo, infatti, resta quello di far pagare la tassa sugli immobili anche alla Chiesa anche se oggi il Consiglio di Stato ha bocciato il decreto del ministero dell’Economia e Finanze per l’applicazione dell’Imu sugli enti non commerciali. "Non è demandato al Ministero - scrivono i giudici di Palazzo Spada - di dare generale attuazione alla nuova disciplina dell’esenzione Imu per gli immobili degli enti non commerciali. Sulla base di tali considerazioni deve essere rilevato che parte dello schema in esame è diretto a definire i requisiti, generali e di settore, per qualificare le diverse attività come svolte con modalità non commerciali. Tale aspetto esula dalla definizione degli elementi rilevanti ai fini dell’individuazione del rapporto proporzionale in caso di utilizzazione dell’immobile mista "c.d. indistinta" e mira a delimitare, o comunque a dare una interpretazione, in ordine al carattere non commerciale di determinate attività". Ma il governo non ci sta e ribatte: "L'obiettivo non cambia: troveremo la soluzione tecnica appropriata per assoggettare all’Imu" chi deve pagare, commenta il ministro dell’Economia Vittorio Grilli.

La sentenza che bacchetta il governo  Per il Consiglio di Stato "l'amministrazione ha compiuto alcune scelte applicative, che non solo esulano dall’oggetto del potere regolamentare attribuito, ma che sono state effettuate in assenza di criteri o altre indicazione normative atte a specificare la natura non commerciale di una attività. Basti fare riferimento - si legge nel provvedimento - al criterio dell’accreditamento o convenzionamento con lo Stato per le attività assistenziali e sanitarie o ai diversi criteri stabiliti per la compatibilità del versamento di rette con la natura non commerciale dell’attività. In alcuni casi - spiegano i giudici - è utilizzato il criterio della gratuità o del carattere simbolico della retta (attività culturali, ricreative e sportive); in altri il criterio dell’importo non superiore alla metà di quello medio previsto per le stesse attività svolte nello stesso ambito territoriale con modalità commerciali (attività ricettiva e in parte assistenziali e sanitarie); in altri ancora il criterio della non copertura integrale del costo effettivo del servizio (attività didattiche)".   Per i giudici di Palazzo Spada "la diversità e eterogeneità di ciascuno dei criteri rispetto alla questione dell’utilizzo misto conferma che si è in presenza di profili, che esulano dal potere regolamentare in concreto attribuito. Tali profili potranno essere oggetto di un diverso tipo di intervento normativo o essere lasciati all’attuazione in sede amministrativa sulla base dei principi generali dell’ordinamento interno e di quello dell’Unione europea in tema di attività non commerciali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • PaoloVictory

    09 Ottobre 2012 - 13:01

    Il Vaticano, con i beni che ha, potrebbe pagare l'IMU a tutte le famiglie d'Italia, aiutare chi non ce la fa ad arrivare al 15 del mese, far fiorire l'economia dei paesi poveri e del terzo mondo, nonché vivere di rendita per centinaia d'anni. Ribadisco, come in miei altri commenti, che la Chiesa beni non dovrebbe averne! Beni che si è accaparrata in 1000anni di storia, con guerre, eccidi e bolle papali. Mettiamoci anche i roghi per gli eretici. Che poi il termine Chiesa dovrebbe essere "comunità" o comunque assemblea: non rispecchia quindi ciò che è veramente! Uno Stato ricchissimo ed economicamente forte...contro gli altri.

    Report

    Rispondi

  • gibuizza

    09 Ottobre 2012 - 10:10

    Volete capirlo che facendo pagare l'IMU sui beni della chiesa (e di tutte le altre organizzazioni di carità) non fate altro che togliere risorse ai più poveri del mondo? Questa sciocca demagogia non fa altro che disastri, bisogna togliere i soldi a chi li accumula, non a chi li fa girare!

    Report

    Rispondi

    • roviglio

      roviglio

      05 Novembre 2014 - 11:11

      Si la chiesa li fa girare, ma nelle sue casse, infatti l'Imu non l'hanno mai pagato e i poveri sono aumentati, e i super ricchi pure comprese le casse del Vaticano che ha chiuso con 2 miliardi di utili quest'anno.

      Report

      Rispondi

  • maxgarbo

    09 Ottobre 2012 - 10:10

    che paghi anche il Vaticano.

    Report

    Rispondi

  • Daniele10542

    09 Ottobre 2012 - 06:06

    I preti ? Per carità !!!! Brutta razza, una massa di parassiti che campana sull'ignoranza della gente, x gente ignorante intendo quelle persone che alla fine della loro esistenza donano tutto alla chiesa e poi questi sono i risultati, uno stato ricchissimo che seguita sempre ad accaparrare soldi alle spalle della povera gente. Ma Gesù Cristo non era povero ? Non disse di dare tutto ai poveri ??? Col cazzo sta gente aiutano i bisognosi !!! Allora diciamo la verità: quando si nasce bisogna pagare x essere battezzati, devi pagare x farti la prima comunione, e cresima, ti devi sposare ? devi pagare, addirittura quando si muore devi pagare x farti dire quattro cazzate. Io mi sono sposato il 27 Settembre 1969 a Lainate ( Milano ) alle nove di mattina, il prete mi chiese la bellezza di 40,000 lire ( mancia al sacrestano a parte ), e sta gentaglia non dve pagare un cazzo ?? La chiesa è una fonte di reddito, stanno sempre in cerca di soldi porca puttana !!!! e tutto quell'oro che portano appeso

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog