Cerca

Tobin tax

C'è pure la tassa comunista
Colpiti i guadagni in Borsa

Approvata la tassa sulle transazioni finanziarie. Grilli: non si applica ai titoli di Stato

C'è pure la tassa comunista
Colpiti i guadagni in Borsa

 

Nel lungo consiglio dei ministri di martedì 9 ottobre in cui il governo ha approvato la legge di stabilità è stata decisa anche l'introduzione della Tobin Tax, la tassazine sulle transazioni finanziarie invocata da sempre dalla sinsitra. Il  ministro dell’Economia, Vittorio Grilli, nel corso della conferenza stampa a Palazzo Chigi ha detto che la tassa non si applicherà ai titoli di Stato. 

Il fronte europeo L'Italia fa dunque decollare la Tobin tax: undici Paesi della zona euro hanno annunciato infatti di voler adottare la tassa (molto controversa) sulle transazioni finanziarie attraverso il meccanismo della cooperazione. L'Italia, nel consiglio dei ministri di marted' 9 ottobre, ha fatto il primo passo. La tassa sulle transazioni finanziarie parte con una dote di un miliardo. Copertura che, come scrive il Sole 24 Ore, andrà calibrata in "progress" poiché il meccanismo definito dall'Ecofin a Lussemburgo deve essere ancora perfezionato. E' prevista l'imposizione di un prelievo dello 0,1% su tutte le transazioni finanziarie relative ad azioni e titoli e dello 0,01% sulle transazioni che investano i derivati.

 Le reazioni Esulta la sinistra: "Finalmente vi è stata l’adesione del governo alla proposta di cooperazione rafforzata sulla Tobin Tax. Si potrebbe dire meglio tardi che mai. Adesso si tratta di vedere nel merito che tipo di Tobin Tax emergerà: l’idea di fare una aliquota dello 0,01% sui derivati, principale strumento della speculazione finanziaria, è semplicemente ridicola" dice Paolo Ferrero, segretario Prc. Positiva la reazione di Futuro e Libertà: "L'approvazione di una tassa adeguata  sulle transazioni finanziarie, che sta per diventare realtà,   rappresenta un fatto estremamente positivo per Futuro e Libertà: da   tempo ci battiamo in questa direzione", dice il vice-coordinatore di Fli, Fabio Granata. "Sulla Tobin Tax è stato lo  stesso Gianfranco Fini a spingere per l’approvazione oltre le   perplessità e la contrarietà da parte di settori del governo Monti.   La tassazione adeguata delle speculazioni e transazioni finanziarie  rappresenta un segnale di equità e giustizia sociale",

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    13 Ottobre 2012 - 11:11

    Il 12.50- Oggi é il 20%. Il 20 si paga sui dividendi o sugli interessi delle obbligazioni. La Tobin tax é sulla differenza di prezzo tra acquisto e vendita, cioé sull'utile di capitale (così si chiama) e non ''da capitale'

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    12 Ottobre 2012 - 17:05

    I partiti non si lamentino. Monti obbedisce alle loro richieste così gli interessati non ci rimettono la faccia

    Report

    Rispondi

  • borotalco

    12 Ottobre 2012 - 12:12

    Non si possono extra tassare i guadagni in borsa perché non generano reddito, si stanno tassando solo capitali a rischio. Es. se io detengo titolo Eni in guadagno dal carico idi acquisto, non posso venire extra tassato (già pago il 12.50%) perché non ho alcuna garanzia sulla positività del titolo in futuro.

    Report

    Rispondi

  • libero

    10 Ottobre 2012 - 20:08

    premetto che sono antistatlista,anti tasse,anti debito pubblico questa ultima,per ora tassa in piu' se va acolpire le banche,queste stesse hanno tutte le maniere per rientrare addebitando ai loro ckienti l'onere derivato.Tanto per essere chiar,ancora una volta questo prelievo va a discapito delle famiglie,dei loro risparmi,che se proima permettevano un acquisto in piu',un vestito o un paio di scarpe per i propri figli,ora tassa dopo tassa la rimanenza e' una maggiore miseria,e l'utile che poteva dare quell'investimento,significa meno potere di acquisto,meno spesa,meno consumo e meno tutto e meno soldi per fasr girare imprese ed economia.Ecco perche' e' una tassa comunista:con la scusa di colpire le banche ed il grande capitale.ormai da tempo fuggito all'estero e dalla Svizzera,colpisce i ceti indifesi da questa ignobile politica di tecnici ciarlatani e quanta gente,purtroppo ora attinge a quel gruzzoletto frutto di sacrifici di una vita,perche'i redditi non sono piu' sufficienti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog