Cerca

Disoccupazione

L'allarme della Bce: dal 2008 persi 4 milioni di posti di lavoro

L'Istituto di Francoforte la a riduzione dei posti di lavoro “ha interessato prevalentemente i settori manifatturiero e delle costruzioni”

L'allarme della Bce: dal 2008 persi 4 milioni di posti di lavoro

Tra l’inizio della crisi economica e finanziaria nel 2008 e il primo trimestre del 2012 il numero di  posti di lavoro nell’area dell’euro si è ridotto di oltre 4 milioni   di unità. L’occupazione, infatti, è diminuita del 2,8% rispetto al  livello massimo del primo trimestre del 2008. L'ultimo allarme è contenuto nel bollettino mensile della Banca centrale europea.  Dal primo trimestre del 2008 al primo trimestre del 2010, rileva  l'Istituto di Francoforte, il tasso di occupazione è sceso di 1,7  punti percentuali, al 64,2%. La riduzione dei posti di lavoro  “ha interessato prevalentemente   i settori manifatturiero e delle costruzioni”. L’adeguamento   dell’occupazione nelle costruzioni è stato particolarmente  significativo in Estonia, Irlanda e Spagna, riflettendo in parte una   correzione del precedente boom degli immobili residenziali. Anche a   causa del forte calo occupazionale nei settori manifatturiero e delle   costruzioni, “i lavoratori più giovani e quelli meno qualificati   hanno risentito maggiormente della crisi, in particolare questi   ultimi”.    I lavoratori più giovani, sottolinea la Bce, “sono stati   particolarmente colpiti dalla crisi. Va notato, per contro, che  durante la crisi i livelli occupazionali dei lavoratori più anziani   (55-64 anni) sono chiaramente aumentati. Questo miglioramento delle   condizioni nel mercato del lavoro per i più anziani potrebbe essere   il risultato delle numerose riforme adottate recentemente in diversi   paesi, in particolare quelle pensionistiche che mirano a favorire la   permanenza dei lavoratori più anziani nel mondo del lavoro”. 

Titoli di Stato Nel dare l'annuncio Francoforte ricorda poi che il piano anti-spread ha allontanato i timori di "scenari nefasti". E sui titoli di Stato di Italia e Spagna evidenzia che si sono registrate "riduzioni significative" dei differenziali di rendimento degli spread rispetto ai Bund della Germania: cali superiori ai 100 punti base nel mese scorso. Poi arriva un'esortazione ai governi dei singoli stati dell'Eurozona. Per aumentare la competitività occorrono "riforme incisive dei mercati del lavoro e dei beni e servizi". La Bce registra i "progressi rimarchevoli nella correzione del costo del lavoro" e dell’andamento delle partite correnti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • osicran2

    16 Ottobre 2012 - 10:10

    Draghi e la BCE predicano bene e razzolano male! Tutti quei miliardi di euro dati quasi gratis alle banche che, senza vincoli di sorta, ne fanno quello che vogliono, guardandosi bene dal finanziare le imprese ed il lavoro che sono l'unico motore capace di farci uscire dalla recessione!

    Report

    Rispondi

  • marco1927

    11 Ottobre 2012 - 19:07

    il dipendente pubblico Draghi.... conta i cadaveri che il suo amico Monti ha prodotto e ce lo sbatte in faccia quasi fosse colpa nostra che riusciamo a vivere e ad esistere..... ma da dove cavolo arrivano questi umanoidi??? certamente non sono del pianeta terra ma intanto rappresentano i vertici in questo pianeta. Draghi costa insieme all'apparato BCE cifre da capogiro e qualcuno mi spieghi cosa produce questo apparato per il cittadino, cosa realizza per il benessere del cittadino, quali sono i traguardi da raggiungere per migliorare la vita del cittadino..... tutto e tutti inutili e costosi ma soprattutto lontanissimi dalle esigenze dell'uomo e dei principi umanoidi che hanno sempre e solo regolamentato la nostra dimensione terrestre.

    Report

    Rispondi

  • rexrixray

    11 Ottobre 2012 - 16:04

    ...è come se l'assassino denunciasse il delitto e pretendesse di processarsi per poter risolvere il danno effettuato...MA SU! SVEGLIA! BCE LADRI MASSONI che INDEBITANO I POPOLI prestando MONETA con percentuali di restituzione da STROZZINI, per prosciugare con le TASSE gli averi del POPOLO e della NAZIONE, RIDUCENDOLA IN SCHIAVITU'! LO CAPITE?!?!?! Vi prego per un pò d'ORGOGLIO NAZIONALE, scrivete qualcosa giornalisti LIBERI, denunciate queste cose e fate battaglie. NON SIETE SOLI! FORZA! BASTA ESSERE TIMIDI E A VOLTE ACCOMODANTI!

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    11 Ottobre 2012 - 12:12

    Stì fiji dè nà mignotta, ora usano la carota dopo avere abbondantemente usato il bastone?

    Report

    Rispondi

blog