Cerca

La crisi del debito

Spread a 313, il minimo dallo scorso aprile

La Spagna sta per chiedere aiuto, e il differenziale torna ai minimi dallo scorso aprile. Ma le manovre e i balzelli dei professori non c'entrano niente

Bene anche le Borse: Piazza Affari guadagna l'1,5 per cento. Nelle casse iberiche stanno per arrivare 45 miliardi di euro
Spread a 313, il minimo dallo scorso aprile

Lo spread tra Btp decennali e Bund tedeschi chiude a quota 313 punti, un livello a suo modo storico: si tratta del minimo dallo scorso aprile, con un tasso che si assesta al 4,76 per cento. Merito delle manovre di Mario Monti o della legge di stabilità, la manovra mascherata che mina ulteriormente la stabilità delle famiglie? Niente affatto. "Merito" di Madrid, che è vicina a ricevere una linea di credito precauzionale, ed ha così fatto crollare i premi di rischio corrisposti da Roma e Madrid. Anche lo spread dei Bonos è crollato a quota 385, ripiegando di cinquanta punti rispetto al massimo di giornata (rendimento al 5,48%). La Spagna è pronta a chiedere un intervento soft al fondo salva Stati, 45 miliardi, che di fatto permetterebbero alla Banca centrale europea di dare il via all'acquisto di titoli di Stato fino a 3 anni sul mercato secondario, allentando la tensione sul costo del debito. L'annuncio dell'aiuto potrebbe arrivare già domani, giovedì 18 ottobre, in occasione del vertice europeo, ma i rumors sono stati accolti con entusiasmo dal mercato.

Bene le Borse - In parallelo al crollo dello spread, il rialzo dei mercati azionari: a Milano, Piazza Affari ha recuperato l'1,5%, Londra lo 0,69%, Parigi lo 0,79% e Francoforte lo 0,29 per cento. Significativa la performance di Madrid, in ascesa di 2,4 punti percentuali. Il fatto che Milano stia ritrovando ossigeno è testimoniato anche dai punteggi degli indici: l'Ftse Mib è a quota 16.233, mentre il complessivo All Share raggiunge i 17.139 punti. La possibilità che la Spagna sia la prima a richiedere gli aiuti del fondo salva-Stati ha ripercussioni positive anche sulla moneta unica: l'euro ha chiuso in deciso rialzo a 1,3123 dollari dopo aver toccato un record di seduta a 1,3136 dollari, il massimo da un mese a questa parte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sulin

    18 Ottobre 2012 - 12:12

    Come siamo contenti che le borse volino, sarà contento il compagno De Benedetti che vive di borsa, saranno contenti i suoi amichetti. Chissà come godono quelli che non trovano lavoro, e hanno una famiglia da mantenere, affitti,bollette e tasse varie. Chissà come sono contenti gli artigiani o le PMI che devono scappare all'estero per sopravvivere. Chissà come godono i pensionati con 400/500 € al mese. (Un "onorevole" li userebbe per il gas dell'accendino)Il fatto è che è tutta la classe politica che conduce la danza europea ad essere un fallimento. Se siamo nella merda tutti, non solo noi, è perchè chi ha gestito l'europa fino ad ora, non è all'altezza, anche se credono di essere la fine del mondo. Per colpa di questi inetti ora annaspiamo come dei naufraghi senza salvagente.

    Report

    Rispondi

blog