Cerca

Svolta in Europa

Acquistare Btp ora conviene:
vi spieghiamo il perché

Madrid verso gli aiuti soft, Roma forse li eviterà (ma continueremo a tirare la cinghia). C'è però un aspetto positivo (o quasi), e riguarda i titoli di Stato

Acquistare Btp ora conviene:
vi spieghiamo il perché

 

In Europa siamo a una svolta. La Spagna chiederà aiuti (soft), e lo spread, al pari delle Borse, fa festa. Madrid si è convinta: chiederà l'intervento "mascherato" da parte della Bce. Roma, forse lo eviterà, ma continueremo a tirare la cinghia: comunque vadano le cose nei prossimi vertici comunitari, noi italiani continueremo a soffrire. Ma, come spiega Ugo Bertone, "la novità positiva è che stanno per tornare i quattrini dall’estero che gli investitori hanno ritirato in tutta fretta in estate. In questo modo, sia Italia sia Spagna potranno abbassare i tassi e ridurre ancor di più lo spread nei confronti di quei Paesi che stanno prestando il quattrino a rendimento zero. Non  a caso. Tutti i Paesi, non solo l’Italia, ma anche Usa e Germania, soffrono dopo la crisi di un debito pubblico fuori controllo. L’unico modo per venirne a capo è un po’ di inflazione in più accompagnata da tassi bassi, drogati da una politica monetaria molto aggressiva. Facile che il fenomeno, presto, contagi anche noi. Affrettatevi, perciò, a sottoscrivere i Btp Italia al 5,5%, perché tra poco vi daranno di meno a fronte di un’inflazione più alta. E così, dopo aver pagato il prezzo della crisi come contribuenti e come lavoratori, vi toccherà versare un pedaggio come risparmiatori. Chissà, forse a quel punto si vedrà davvero la luce in fondo al tunnel", spiega Bertone su Libero in edicola oggi, sottolineando come, oggi, di fatto sia un buon momento per comprare qualche obbligazione statale.

Leggi l'approfondimento su Libero in edicola oggi, giovedì 18 ottobre


Vota il sondaggio: secondo voi la crisi è finita?

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • biemme

    24 Marzo 2015 - 12:12

    Eravamo fino al 1970 il settimo paese industriale del mondo. Oggi contendiamo l'ultimo posto alla Grecia. Grandi progressi con i governi di centro sinistra

    Report

    Rispondi

  • biemme

    24 Marzo 2015 - 12:12

    gli unici che ancora potrebbero investire sono cinesi ed immigrati vari che hanno un grosso volume di affari esentasse. Peccato che preferiscono trasferire il loro utili nel loro paese di origine perchè di noi non si fidano; ed hanno ragione.

    Report

    Rispondi

  • iusini

    19 Ottobre 2012 - 12:12

    Che succede se,andando a spulciare tra gli acquirenti,abbiamo la sorpresa-mica tanto-che i primi sono gli istituti bancari?Questi ladri autorizzati sono arrivati a garantire ai propri clienti un superlativo interesse pari allo zero e continuano a rifilarti,se ci riescono,fregature. Poi,vai a chiedere un prestito e fanno passare per beneficienza un interesse del 6/8 per cento.Stendiamo un velo pietoso sul fatto che,per acquistare,bisogna avere i soldi per pagare.

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    18 Ottobre 2012 - 18:06

    Lo stato italiano con mè ha chiuso...Da lavoro agli immigrati,i sussidi agli immigrati,gli immigrati aprono kebab,pizzerie,fetidi locali etnici senza problemi...Se lo fai tu,italiano,hai l'ufficio d'igiene che ti conta anche i peli del culo. I BTP ? Meglio portare i quattro soldi che avete a Lugano,altrimenti i maiali di Palazzi Chigi,vi fottono pure quelli...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog