Cerca

Il diktat tedesco

La Merkel scopre le carte:
Ue controlli i singoli Stati

La Cancelliera al Parlamento tedesco: bisogna poter controllare i bilanci nazionali

La Merkel scopre le carte:
Ue controlli i singoli Stati

 

Il Cancelliere tedesco Angela Merkel, giovedì 18 ottobre, il giorno dell'incontro con i capi di Stato a Bruxelles, ha parlato al Bundestag e non ha usato metafore: "Abbiamo fatto buoni progressi nel rafforzamento della disciplina di bilancio con il fiscal pact, ma siamo dell'opinione, e parlo a nome del governo tedesco, che dobbiamo fare un passo in avanti nel dare all'Europa il diritto di intervento sui bilanci nazionali". In pratica: La Germania vuole tenere in scacco tutta l'Europa. Merkel si è detta d’accordo con la proposta del ministro delle Finanze Wolfgang Schaeuble di creare un commissario unico per l’euro e di rafforzare il Parlamento europeo e  ha poi  proposto la creazione di nuovi fondi dell’Unione europea per  progetti speciali che devono essere finanziati dal denaro raccolto   attraverso una tassa sulle transazioni finanziarie spiegando che " i fondi si tradurrebbero in un aumento della concorrenza". In pratica, ha proposto la creazione di un fondo di solidarietà per   sostenere i paesi europei che hanno bisogno di riforme strutturali per  superare la crisi. Questo introdurrà "un nuovo elemento di   solidarietà" nell’unione monetaria.  L'unica condizione per accedere a questi fondi sarebbe quella di  impegnarsi a chiudere gli accordi delle riforme europee vincolanti per  aumentare la loro competitività. Inoltre, i parlamenti nazionali  devono approvarlo. Questo nuovo fondo potrebbe essere alimentato dalla  tassa prevista sulle transazioni finanziarie.

 Il vertice La riunione di Bruxelles avvierà una due giorni di difficile discussione, il cui obiettivo finale è quello di ridisegnare l’assetto istituzionale dell’Unione monetaria europea. Difficilmente si arriverà a decisioni sostanziali. Il primo gradino da affrontare sarà quello dell’unione bancaria, cui dovranno seguire l’unione di bilancio, quella economica e quella politica. 

Caso Spagna Rispetto alal situazione spagnola, la Merkel ha precisato che il governo di Mariano Rajoy è l’unico che deve decidere se chiedere il piano di salvataggio  europeo.Ha detto: "La Spagna è l’unica che può dire se fare appello al   meccanismo europeo di stabilità (ESM), perché ha bisogno di un  ulteriore sostegno oltre ai 100.000 milioni di euro offerti alle   banche in sofferenza, ha sottolineato la Merkel al governo poco prima   di partire per Bruxelles per il Consiglio europeo dei capi di stato e   di governo dell’Unione europea. "La decisione è solo della Spagna se   hai bisogno di aiuto e quanto", ha spiegato la Merkel, ricordando che   il rapporto ufficiale sulle esigenze di ricapitalizzazione delle   banche spagnole è ben noto.

 Caso Grecia  La Merkel è intervenuta anche sul caso della Grecia, mentre il Paese è bloccato da uno sciopero nazionale che ha coinvolto i principali servizi. Gli aiuti dovranno essere sbloccati entro novembre gli aiuti dovranno essere sbloccati per evitare il default del paese, e Angela è intervenuta per tranquillizzare ."Non c'è alcun rischio di interventi incontrollabili nell’eurozona", come un default della Grecia o l’uscita dalla moneta unica del Paese. E ha aggiunto: "Vorrei che la Grecia rimanga nella zona euro",   dice la Merkel poco prima di partire per Bruxelles in occasione del   Consiglio europeo dei capi di Stato e di governo dell’Unione europea.   Merkel ha ricordato che il Paese ellenico deve svolgere tutte le   riforme concordate, sottolineando che i progressi compiuti da Atene e   quelli ancora da compiere sono "due facce della medaglia. Il governo   greco e molti all’interno dell’economia e della società hanno una   forte volontà di cambiare".

 

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • D.P.F.

    20 Ottobre 2012 - 08:08

    L'idea della Tedeska merkel è quella storica di quel popolo: facciamo a mezzo, noi tedeschi siamo i migliori ed abbiamo i diritti, voi sottospecie di altri europei avete i doveri. Perché ? Perché noi teteschi siamo perfekti e non sbagliamo mai !

    Report

    Rispondi

  • wavettore

    19 Ottobre 2012 - 09:09

    Senza precedenti nella storia, questa crisi mondiale e' stata provocata tramite un evento di terrore (l'11 Settembre) pianificato da un presidente Americano, George Bush. Questo fu proprio per destabilizzare gli equilibri di tutti i Paesi e dare l'inizio ad una catena di eventi quasi inevitabili tutti questi parte dello stesso Piano. Da simultanee rivolte sobillate in tanti Paesi Arabi l'unico a trarne beneficio sara' infine lo Stato di Israele con l'espansione del proprio territorio mentre in Europa e negli USA, le risorse finanziarie "come magia" spariranno attraverso bailouts, tagli fiscali ed elaborate manovre di emergenza che saranno legiferate solo per apparire di beneficio a quei Paesi ma invece disegnate apposta per il loro collasso (eccetto l'Inghilterra che spingera' l'Europa oltre il precipizio) Esiste una sola Soluzione. www.wavevolution.org

    Report

    Rispondi

  • bellissimo

    18 Ottobre 2012 - 14:02

    E' adesso che viene il bello.Meditate,schiavi!

    Report

    Rispondi

  • pier47

    18 Ottobre 2012 - 14:02

    Buongiorno, ma qual'è il commento della Lega visto che "PADRONI A CASA NOSTRA" è uno dei suoi slogan preferiti? Monti continua imperterrito sulla sua strada del massacro italiano e il popolo che fa?Vota ancora il pd,pdl,udc che lo sostengono?Allora "OGNI POPOLO HA IL GOVERNO CHE SI MERITA" è un detto sempre attuale. Ricordatevi anche che i suddetti partiti hanno consegnato il loro potere nelle mani del massacratore senza averne diritto,bisognava votare subito o sostituire berlusconi con altro uomo di indubbia immagine. Quanto vorrei avere i voti di quel 51% di indecisi che danno i sondaggi. saluti

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog