Cerca

I dati della Cgia di Mestre

Effetto-Monti sulle imprese italiane:
nel 2012 mille chiusure al giorno

Il saldo nati-mortalità è sempre stato negativo negli ultimi tre anni. E il 50% delle aziende che aprono ex novo, chiude entro i primi cinque anni di vita

Molti di colro che si mettono in proprio lo fanno dopo essere stati espulsi dal lavoro dipendente, senza adeguata preparazione
Effetto-Monti sulle imprese italiane:
nel 2012 mille chiusure al giorno

 

Alla faccia dell'effetto Monti sull'economia italiana. La Cgia di Mestre ha diffuso questa mattina i suoi dati sui primi nove mesi del 2012, in cui spicca quello sulle chiusure di aziende: 1.000 ogni giorno. Da tre anni il  saldo della nati-mortalità delle aziende italiane è sempre negativo. E nei primi 9 mesi di quest’anno sono poco più di   279.000 le imprese che hanno chiuso i battenti: praticamente 1.033 al giorno. A impensierire l’Ufficio studi Cgia di Mestre è anche il fatto che le aziende che aprono abbiano dimensioni occupazionali   molto contenute, mentre quelle che chiudono sono quasi sempre attività strutturate con diversi lavoratori alle loro dipendenze. "Prova ne sia - sottolineano dalla Cgia - che il tasso di disoccupazione  sta crescendo in maniera preoccupante".

Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia, sottolinea che "molte persone hanno aperto un’attività in questi ultimi anni di crisi, non perchè in possesso di una   spiccata vocazione imprenditoriale, bensì per la necessità di costruirsi un futuro occupazionale dopo esser stati allontanati dalle aziende in cui prestavano servizio come lavoratori dipendenti. E se questa dinamicità del sistema - prosegue Bortolussi - è un   segnale positivo, entro i primi 5 anni di vita il 50% delle aziende muore per mancanza di credito, per un fisco troppo esoso e per una burocrazia che spesso non  lascia respiro.

Particolarmente preoccupanti i dati riferiti all’artigianato: negli ultimi tre anni il saldo nazionale   della nati-mortalità delle aziende di questo settore presenta sempre   un segno negativo: -15.914 nel 2009, -5.064 nel 2010 e -6.317 nel 2011. E nei primi tre mesi del 2012 (ultimo dato disponibile) il saldo ha toccato la punta massima di -15.226: i settori più in difficoltà sono quelli delle costruzioni, le attività manifatturiere e i servizi alla persona.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Libero Di Rino (LDR)

    01 Novembre 2012 - 22:10

    chi la pronunciò ci sta anche seppellendo. IL GRANDE GOVERNO MONTI che parla inglese!

    Report

    Rispondi

  • encol

    01 Novembre 2012 - 18:06

    Appunto occorre saper leggere. Durante il periodo,(cito per precisione) antecedente a Giugno/Luglio 2011, con ministro Tremonti alla guida del ministero dell'economia, lo spread oscillava intorno a 130punti-

    Report

    Rispondi

  • bepper

    01 Novembre 2012 - 17:05

    Il fenomeno è in atto da tre anni, Monti è al governo da meno di uno. Indovinelli: chi c'era prima? Chi ha iniziato a distruggere il paese? sarebbe meglio imparare a leggere...

    Report

    Rispondi

  • acstar

    01 Novembre 2012 - 16:04

    Condivido, e non mi soffermo, sull'ottimo giudizio quì sopra di "da encol" e rincaro la dose : "fallimonti" e l'altro "viso pallido" napolitano, non solo hanno perpetrato il più grande danno all'Italia moderna che la storia potesse aver messo in atto, ma hanno anche "infranto" la costituzione Italiana più volte ! Guardatevela e leggetevela bene e poi ditemi !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog