Cerca

Il futuro dell'unione

Draghi: "La crisi è arrivata anche in Germania"

Il governatore della Bce: "Gli ultimi dati evidenziano che nel mirino c'è anche l'economia tedesca". Poi ribadisce: "L'acquisto di bond è illimitato"

Mario Draghi

Mario Draghi

La crisi travolge anche Berlino. Parola di Mario Draghi. "La Germania è stata a lungo isolata dalle difficoltà presenti nel resto dell'area euro, ma gli ultimi dati evidenziano che gli sviluppi della crisi stanno iniziando a colpire anche l'economia tedesca", ha spiegato il presidente della Bce nel corso di un intervento a Francorte. L'azione dell'Eurotower, ha aggiunto, "può costruire fiducia nel breve termine nell'area Euro. Ma solo l'azione dei govenri può assicurare fiducia nel lungo termine", ha poi ricordato. Quindi altre postille negative: "La disoccupazione è deplorevolmente alta. L'attività economica è debole e rimarrà debole nel breve periodo", ha evidenziato Draghi.

Tornano gli investimenti - Quindi anche una nota di ottimismo: "L'Eurozona si sta stabilizzando e gli investitori stanno tornando a investire". Secondo Draghi i mercati finanziari si sono normalizzati negli ultimi tre mesi e ci sono segnali di stabilizzazione nei flussi di capitali in arrivo nell'area euro. Due, tre giorni fa - ha aggiunto - abbiamo visto che i soldi dal resto del mondo sono tornato in Europa e gli investitori hanno ripreso ad investire nell'area euro".

Unione bancaria - Sulle politiche economiche continentali, il governatore della Bce ha sottolineato che l'Unione bancaria "non comporta alcun rischio sulle garanzie dei depositi. Le azioni della Bce - ha aggiunto - possono costituire una garanzia nel senso stretto del termine, ma i governi hanno bisogno di lvaorare insieme per stabilire una più solida struttura istituzionale nell'area dell'euro. Il processo è iniziato a giugno attraverso il 'Rapporto dei quattro presidenti', del quale sono co-autore. Nel rapporto - ha continuato il presidente dell'Eurotower - sono stati identificati quattro pilastri fondamentali secondo i quali dovrebbe essere costruita una stabile e prosperosa unione monetaria. Questi pilastri sono: unione fiscale, finanziaria, economia e politica".

Bond, acquisti illimitati - E dopo aver esordito portando le "cattive notizie" alla Germania, Draghi ha ribadito anche che "il nuovo piano di acquisti di bond da parte della Bce consente interventi illimitati sul mercato del debito sovrano, e dovrebbe eliminare il timore di una frattura dell'area euro". Il governatore, insomma, ribadisce che il piano di acquisti è "illimiatato", una parola che la Merkel e le autorità tedesche non hanno mai digerito. Draghi ha poi concluso ribadendo che "l'economia resterà debole a breve termine e l'inflazione sotto controllo. Ci aspettiamo che scenda sotto il 2% l'anno prossimo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    08 Novembre 2012 - 17:05

    Per quanto riguarda GIORGIO I° penso sia pervaso dalla fissazione dell'europa socialista mentre per il subalterno semplicemente non ha le palle, esegue i diktat sotto adeguato compenso. Fatto sta che ci troviamo dentro un bel rebus dal quale uscirne sarà molto complicato. Non possono tagliare brutalmente i compensi vergognosi della casta pena il siluramento, quindi ci mungeranno fino a che i nostri giovani (speriamo) non si sveglieranno ribellandosi di brutto quanto e più dei greci e spagnoli messi insieme.

    Report

    Rispondi

  • estremista

    08 Novembre 2012 - 11:11

    che bello sentire parlare i tipi sopracitati di economia, crisi, debito pubblico e dire continuamente solo cazzate!!! Purtroppo la realtà è che l'italia non riuscirà mai a risolvere il problema del debito, che continuerà a crescere nonostante i sacrifici perchè gli interessi sul debito (tantopiù a questi spread) si mangiano tutti i risparmi dei tagli e delle nuove tasse chieste agli italiani. Per fare il pareggio di bilancio e riduerre il debito come votato dal parlamento con il fiscal compact il prossimo anno saremo costretti a tagli alla spesa draconiani (stile grecia) e aumenti considerevoli delle tasse, con conseguente recessione, aumento della disoccupazione, taglio degli ammortizzatori sociali, povertà e così via. L'europa e la germania in questo momento sono come una banca che ti succhia denaro e interessi fino a quasi farti morire ma a lascairti quel poco di sangue per poterti permettere di sopravvivere e continuare a spolparti. Almeno voi giornalisti diceta cazzo la verità!!

    Report

    Rispondi

  • jack1

    08 Novembre 2012 - 11:11

    perchè sai cosa vuol dire "fornitore" sai per caso anche cos'è una riba o un piano di ammortamento ??? ahahahahaha vai a zappare imbecille

    Report

    Rispondi

  • marco1927

    08 Novembre 2012 - 11:11

    replicare a feltrone ve le suona etc non è una idea geniale. Le consiglio di lasciar perdere e lo consiglio a tutti i postanti, il soggetto in questione è qui solo per provocare ed è privo di intelligenza. grazie invece del suo post in quanto riporta storie vere di incontri diretti con il mercato Tedesco.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog