Cerca

Crisi, Tremonti rassicura

"L'apocalisse è passata"

Crisi, Tremonti rassicura

Il peggio sembra essere passato, ma rimane il monito a non abbassare la guardia: secondo il ministro dell’Economia Giulio Tremonti la fase “apocalittica” della crisi economica dovrebbe essere solo un brutto ricordo. Lo ha detto nel corso della conferenza stampa che ha seguito il meeting internazionale sui global standard.
“Tuttavia, la crisi continua e i governi sono in continuo cambiamento, in movimento”, ha aggiunto Tremonti. Il nuovo corso è giunto nel momento in cui sono intervenuti proprio gli esecutivi delle diverse nazioni, a cominciare dal G20 di Washington dello scorso ottobre. Al quale si è aggiunto quello di Londra: due momenti chiave per superare lo stallo.
Fondamentale l'intervento dei governi - “Sono scesi in campo i governi, c’è stato uno spostamento dell’asse della politica che ha anche postulato una maggiore rilevanza delle regole”, sono state le parole di Tremonti. Maggiori regole “che servono a trasmettere il senso di fiducia in modo che la crisi sia meno intensa e per evitare che la ripresa porti dopo un po’ ad una nuova crisi”.
Dunque le nuove regole hanno fatto la differenza e oggi “il mito di Re Mida, il re che trasformava in oro tutto ciò che toccava, si è in qualche modo ripetuto”, ma questa era è giunta al capolinea e “servono delle regole”. Il ministro ha quindi sottolineato come sia stata data “maggiore rilevanza alle regole che servono a ridare fiducia” e ad evitare che si ricreino nuove crisi come quella attuale. Sulle nuove regole da condividere a livello internazionale “abbiamo iniziato una discussione in termini generali, di principio”, ha detto Tremonti. “C'è ora un appuntamento da definire, probabilmente in settembre. È stato iniziato un processo molto complesso”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giustopio

    13 Maggio 2009 - 19:07

    L'Unicredit ha negoziato 4mld di Tremonti Bond che dovevano servire per aiutare le Piccole Imprese invece sono serviti per chiudere i "buchi" nei Paesi dell'Est.

    Report

    Rispondi

  • swiller

    13 Maggio 2009 - 10:10

    Ma temo che le cose non stiano proprio cosi. La piccola e media impresa sta letteralmente nella m*****, e non parlo per sentito dire. Meno male che le banche dovevano aiutare le piccole imprese. Forse il ministro dovrebbe girare un pò di piccole aziende e ascoltare direttamente e non demandare a funzionari incompetenti.

    Report

    Rispondi

  • ghorio

    12 Maggio 2009 - 19:07

    Sulla crisi economica il ministro Tremonti ci rassicura con la solita frase"L'Apocalisse è passata". Personalmente mi auguro che sia così, ma ho molti dubbi, perchè la crisi reale continua ad aesserci e i problemi che c'erano qualche mese fa continuano ad esserci. Non mi pare ch ei cittadini possano disporre di più risorse, la pressione fiscale continua ad essere come prima, l'occupazione non aumenta, la produzione industriale dimunisce, le entrate fiscale diminuiscono e così via. Non mi pare davvero che tutto sia risolto. E' vero che invece di trattare di questi argomenti, la classe poltica risulta latitante, comprese le opposizioni, e sembra in tutt'altre faccende affacendata. La cosiddetta classe media continua ad essere vilipesa, senza provvedimenti adeguati, ma queste problematiche non trovano risalto sulla stampa, impegnata ad informarci con paginate e paginate su argomenti sempre più frivoli. Giovanni Attinà

    Report

    Rispondi

blog