Cerca

Torino e Detroit

Marchionne: "Fiat e Chrysler, la fusione è inevitabile"

A una settimana dalla rielezione di Obama, l'annuncio dell'ad del Lingotto: "Avverrà. come previsto, nel 2014". Su Alfa Romeo: "Non ho alcun interesse a vendere"

Sergio Marchionne

Sergio Marchionne

"La fusione tra Fiat e Chrysler procede, come previsto, per il 2014. Ed è una mossa inevitabile". Così l'amministratore delegato del Lingotto, Sergio Marchionne, in un'intervista concessa ad Automative News. A una settimana dalla rielezione di Barack Obama, il manager italocanadese conferma il progetto di unire i due colossi dell'auto: una mossa favorita dalla conferma del presidente afroamericano, che considera Marchionne una sorta di "salvatore" per aver (meritoriamente) tirato fuori dalle secche della crisi il colosso di Detroit, evitandone il fallimento. Tutti ricordano, infatti, quel "thank you, Sergio" pronunciato da Barack nel corso della prima visita del presidente a stelle e strisce a Motor City. Il voto americano, di fatto, ha spianato la strada alla fusione.

"Non voglio vendere Alfa" - Nel corso dell'intervista, Marchionne spiega che "non ho nessun interesse a vendere Alfa Romeo. Punto". Marchionne è tornato così a parlare della casa automobilistica controllata dal Lingotto, il cui futuro pare comunque incerto alla luce delle recenti dichiarazioni dell'ad Fiat, che aveva spiegato come l'unico modello sostenibile dell'Alfa è la Y10. 

Le previsioni - Marchionne ha poi snocciolato alcune previsioni sulle vendite del prossimo atto. "Il gruppo venderà oltre 4,3 milioni di vetture nel 2013, con un minimo di 2,6 milioni da parte di Chrysler. Dipenderà molto da cosa succederà in Europa". Il manager ha poi spiegato che per il 2012 stima un aumento delle vendite a 4,2 milioni di unità, dai 4 milioni dello scorso anno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raucher

    15 Novembre 2012 - 18:06

    Gli operai delle fallimentari Pomigliano e Termini potranno farsi mantenere dalla Camusso , dal plumbeo Fassina e da Landini che hanno fatto del loro meglio per fare chiudere gli stabilimenti. Chi mai è così scemo da investire là dove le assunzioni vengono imposte dai magistrati?

    Report

    Rispondi

  • geisser

    15 Novembre 2012 - 18:06

    ma se voi Agnelli e marchionne volete fare le valigie , beh ditelo e non state a fare manfrine , si faccio la fusione , no non la faccio , si metto i soldi , no non li metto . Tanto chi non è scemo ha già capito benissimo il vostro giochino

    Report

    Rispondi

  • JZS

    15 Novembre 2012 - 17:05

    E' solo questione di TEMPO. Marchionne,dopo la vittoria (frode elettorale di Obama) abbandonerà gli Stabilimenti Italiani e la Direzione di TORINO. Nel caso migliore, riuscirà a VENDERE a qualcuno il Tutto qui in Italia. L'ente EPA ( USA Evironmental Protection Agency) gli darà, come promesso da Mr. Obama, svariati miliardi a "fondo perduto". Non per niente Mr. Marchionne era negli USA a fare pubblicità elettorale per Mr. Obama.

    Report

    Rispondi

  • kajo

    15 Novembre 2012 - 16:04

    Marchionne è fuori già da circa due anni! Solo la Fiom e qualche altratesta gloriosa della politica non lo vuol capire. E ci deve rimanere se vuol salvare la Fiat.

    Report

    Rispondi

blog