Cerca

Babbo Natale fashion

Il regalo del re del cachemire
6mila euro a ogni dipendente

Brunello Cucinelli ha deciso di "girare" i 5 milioni di utili dell'azienda ai lavoratori: fanno 6.583 euro a testa

Il brand, nato nel 1978, si è imposto come uno dei leader mondiali della moda casual-chic con negozi in più di 50 paesi
Il regalo del re del cachemire
6mila euro a ogni dipendente

Per i 783 dipendenti di Brunello Cucinelli Babbo Natale è già arrivato. E ha portato un sacco zeppo di euro. L'azienda umbra (che produce capi in cashmere e accessori e conta una sessantina di negozi in più di 50 paesi sparsi nel mondo) ha infatti deciso di destinare i 5 milioni di utili (conseguiti anche grazie al recente sbarco in borsa) ai suoi lavoratori: un "regalo" da 6.583 euro a testa. "Questo vuole essere un dono di famiglia, qualcosa che va aldilà dell'azienda che è quotata in Borsa" ha detto Cucinelli, che ha fondato l'azienda dal nulla nel 1978 imponendosi negli anni come uno dei brand più apprezzati di casual chic a livello mondiale. "Abbiamo voluto dare un premio a chi è cresciuto insieme a noi e l'abbiamo comunicato ai dipendenti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Caninforato

    26 Novembre 2012 - 14:02

    I nostri imprenditori si distinguono per la capacità di portare gli utili nei Paradisi Fiscali, magari falsificando i bilanci societari (infatti il 90% delle socirtà di capitali dichiarano perdita o pareggio di bilancio). All'estero invece è prassi comune, soprattutto nei Paesi con storiche eredità socialdemocratiche, ripartire gli utili anche ai lavoratori, come han fatto anche la Renault e la VW recentemente (ma lì la maggioranza delle azioni sono dei potenti Sindacati metalmeccanici, l'equivalente, in grande, della ns. FIOM, tanto per capirsi...)

    Report

    Rispondi

  • kayak65

    26 Novembre 2012 - 12:12

    purtroppo quei soldi meritati se li succhiera' tutti il vampiro di varese,in tasse o balzelli vari.

    Report

    Rispondi

blog