Cerca

L'imposta sugli immobili

Ecco tutti i numeri dell'Imu
Roma la città più stangata:
1.800 euro per la seconda casa

Il gettito complessivo, tra prima casa e altri immobili, ammonterebbe a  23,2 miliardi di euro, di cui 3,8 miliardi per la prima casa e 19,4 per la seconda
Ecco tutti i numeri dell'Imu
Roma la città più stangata:
1.800 euro per la seconda casa

 

Roma capitale d'Italia e capitale dell'Imu. E' quanto emerge da un’analisi realizzata dall’Osservatorio periodico sulla fiscalità locale della Uil Servizio Politiche Territoriali, sulle delibere dei Comuni pubblicate sul sito del ministero dell’Economia dal 10 al 28 Novembre 2012. Complessivamente, l’Imu ha pesato per 278 euro sulla prima casa e 745 euro sulla seconda. Per la prima casa, si registrano punte di 639 euro a Roma; di 427 euro a Milano; 414 euro a Rimini; 409 euro a Bologna; 323 euro a Torino. Per le seconde case, punte di 1.885 euro a Roma; di 1.793 euro a Milano; di 1.747 euro a Bologna; di 1.526 euro a Firenze.

Lo studio si basa sui dati di 6.189 comuni, un campione che rappresenta il 76,2% del totale. Il 31,2% del campione (1.924 municipi) ha aumentato le aliquote per la prima casa, tra cui 41 Città capoluogo di provincia; il 62,2% (3.826 Comuni), ha confermato l’aliquota base del 4 per mille; soltanto il 6,8% (419 comuni) l’hanno diminuita e, tra questi, 8 Città capoluogo di Provincia. Il 62,6% del campione (3.863 comuni) ha aumentato l’aliquota per la seconda casa, tra questi 98 sono Comuni capoluogo di provincia; il 36% (2.221 comuni) ha deciso, invece, di confermare l’aliquota di base del 7,6 per mille; soltanto l’1,4% (85 Comuni, per lo più concentrati nel Sud) ha deciso di diminuirla.

Il combinato disposto di tali decisioni da parte dei Comuni porta l’'aliquota media nazionale sulla prima casa al 4,36 per mille, in aumento del 5,6% rispetto all’aliquota base decisa dal governo Monti; mentre per le seconde case l’aliquota media è dell’8,78 per mille in aumento del 15,5% rispetto all’aliquota base. In totale, secondo una simulazione Uil, con le aliquote deliberate dai Comuni e le relative detrazioni, il gettito complessivo, tra prima casa e altri immobili, ammonterebbe a fine anno a 23,2 miliardi di euro, di cui 3,8 miliardi di euro per la prima casa e 19,4 miliardi di euro per le seconde case. Di questi, 14,8 miliardi di euro saranno incassati dai Comuni, mentre lo Stato incasserà 8,4 miliardi di euro.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    01 Dicembre 2012 - 16:04

    va analizzata con attenzione. Ciò che Mr. Monti pensa di incassare in tasse cash lo perde abbondantemente in minor gettito fiscale. E'la più classica delle ottusità. Più tasse e balzelli vari = meno consumi = aziende in difficoltà o addirittura costrette alla chiusura. Dov'è il vantaggio. Abbiamo un prof. anzi molti prof. ce lo spieghino a noi popolo di poveri ignoranti.

    Report

    Rispondi

  • JZS

    01 Dicembre 2012 - 12:12

    Il “SALASSO” dell’IMU (ANCHE di circa 1200 Euro) enunciato sui vari giornali NON ci torna affatto! Forse qualcuno dovrebbe frequentare e Passare un corso Di Statistica ELEMENTARE (Non in Italia dove si è fermi alla media aritmetica). Ecco un esempio tipico nella città di Torino (aliquota max di 1.06): Alloggio grande (circa 140 mq) seconda casa ereditata in semiperiferia con rendita catastale iniziale di circa 950 Euro. Peccato che con la crisi che avanzava (già da qualche anno) non era possibile trovare una famiglia che avesse i soldi per affittarla (700- 800 Euro/mese). Perciò appartamento convertito in Ufficio – rendita catastale circa 3900 e Conseguente affitto a professionista a circa 850 Euro/mese. Ora ci troviamo a pagare Circa 3700 Euro di IMU. Saremo costretti a vendere perché non possiamo pagare circa il 70% di tasse (IMU 3700 + Irpef).

    Report

    Rispondi

  • emilioq

    01 Dicembre 2012 - 06:06

    Assodato il fatto che questo è il frutto di un associazione a delinquere che continuiamo a mantenere, non si capisce perché i Comuni mandino a casa i moduli per farceli compilare . Oltre che mantenerli e succhiarci il sangue non fanno neanche il lavoro che spetterebbe a loro dal momento che hanno tutti gli elementi per poterlo fare. Certo si tratta di una cosa fatta ad arte perché se commetti un piccolo errore nella compilazione li avrai addosso con accertamenti, multe e vessazioni varie. Mi vergogno sempre più di essere italiano!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • FabriD

    01 Dicembre 2012 - 02:02

    Monti sta allo statista , come balotelli ad un giocatore di calcio, come schettino al comandante di una nave, come napolitano ad un presidente, come la fornero ad una professoressa, come Dalema ad un benefattore !!! Eh sì siamo fortunati ... siamo nell'era dei dilettanti allo sbaraglio !!! Persone veramente capaci .... basta non capire subito che sono degli incapaci .... nati con la camicia ... e spinti in alto dai media ... dagli sponsor ... dalle banche ... dai giornali di parte ... etc etc !!! Inutile dare colpe .... sopratutto a Berlusconi .... che se tutti i soldi che ci stanno derubando andassero a Silvio .... potrebbe comprarsi gli States e sfrattare tutti gli americani !!!! invece vanno in tasca a chi ve lo fà odiare !!! e tutti voi fessi ad andargli pure dietro !!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog