Cerca

L'allarme lavoro pubblico

Patroni Griffi: nella pubblica amministrazione 260 mila precari
"Impossibile stabilizzarli tutti"

Filippo Patroni Griffi

Secondo il minsistro delle Pubblica Amministrazione Filippo Patroni Griffi è impossibile pensare a una stabilizzazione di massa per i 260mila precari della pubblica amministrazione durante un'audizione alla Comissione Lavoro della Camera. I precari sono 130mila nella scuola, 115 mila tra sanità e enti  locali e 15 mila nelle ammainistrazioni centrali. "Penso siano da scartare ulteriori   interventi di riduzione del settore pubblico".   Piuttosto, per il ministro "si può pensare a una diversa   distribuzione del personale tra amministrazioni centrali e periferiche  e tra varie amministrazioni", anche perchè ha ricordato "siamo   lievemente al di sotto della media Ocse".

Eccedenze Secondo i dati del ministero, gli esuberi nelle pubbliche amministrazione dovrebbero arrivare a circa 7300 in totale, in base ai tagli previsti dalla spending review.  Il ministro annuncia un ulteriore taglio delle piante organiche di 3.300 impiegati: oltre alle 4.028 eccedenze emerse dal primo decreto "abbiamo proiezioni di ulteriori 3.000 eccedenze di personale per un totale quindi di 7.300 per effetto di altri due decreti uno sull'Inps e l'atro su 24 enti parchi" ha affermato il ministro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giorgio_collarin

    05 Dicembre 2012 - 22:10

    sulla nanità ha ragione da vendere!!! aggiungo: commissioni su commissioni: una che controlla l'altra!!! conosco un medico condotto...assunto per raccomandazione di persona importante ma che si è rivelato poco capace!!!emarginato anche dai suoi colleghi!!!poveri pazienti!!!

    Report

    Rispondi

  • arrotino2

    05 Dicembre 2012 - 18:06

    Metà degli attuali dipendenti pubblici sarebbe più che sufficiente, gli altri potrebbero essere assorbiti dal privato se lo stato non procurasse l'asfissia fiscale e burocratica delle aziende. I precari erano un problema finchè era al governo Berlusconi, e la sinistra faceva fuoco e fiamme per farli assumere a tempo indeterminato (cosa sarebbe successo al debito pubblico se questa operazione fosse andata in porto?). Caduto lui non se li fila più nessuno

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    05 Dicembre 2012 - 18:06

    mandateli a fare lavori socialmente utili, però il vero problema è che molti di loro non conoscono il significato della parola lavoro

    Report

    Rispondi

  • encol

    05 Dicembre 2012 - 18:06

    Dove lo spreco ed il magna-magna sono la regola giornaliera di ASL e Ospedali diretti da politici. Il paradiso della corruzione, del raccomandato e dello spreco. Provate a controllare quanti medici sono stati assunti negli ultimi 10 anni con punteggio di laurea appena sufficiente, con anni di fuoricorso, senza alcuna specializzazione. In sanità serve una riforma VERA dove si assumono medici solo con punteggio di laurea superiore a 80/100 e dopo concorso VERO. Basta con il figlio di.... o l'amico dell'amico. Un buon tecnico sostituisce 4 somari e se ne paga uno solo non 4-

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog