Cerca

La giustizia italiana

Unipol-Bnl, annullate le assoluzioni
Ma si salveranno con la prescrizione

La Corte di Cassazione annulla tutte le assoluzioni, compresa quella dell'ex governatore di Bankitalia. Ma scadranno i tempi per l'accusa di aggiotaggio

Antonio Fazio

Antonio Fazio

La Corte di Cassazione ha annullato, rinviando a nuovo processo, l'assoluzione degli undici imputati per la tentata scalata di Unipol a Bnl. Tra loro, anche l'ex governatore della Banca d'Italia, Antonio Fazio. Sono state invece confermate le condanne per Ivano Sacchetti (un anno e sei mesi) e Giovanni Consorte (un anno e sette mesi) con l'accusa di insider trading.

Incombe la prescrizione - Il processo d'appello bis a cui ha rimandato la Cassazione dovrebbe essere incentrato sul reato di aggiotaggio, ma sul processo, secondo i calcoli della stessa Cassazione, scatterà la prescrizione il prossimo 19 dicembre. A processo, insieme a Fazio, ci tornano Vito Bonsignore, Francesco Gaetano Catagirone, Carlo Cimbri, Danilo Coppola, Guido Leoni, Ettore e Tiberio Lonati, Stefano Ricucci e Giuseppe Statuto.

Il ricorso - E' stato dunque accolto il ricorso della Procura generale di Milano: la Corte d'Appello del capoluogo meneghino, lo scorso 30 maggio, aveva fatto decadere il reato di aggiotaggio con 11 sentenze di assoluzione. La procura aveva anche ridotto le pene per Consorte e Sacchetti, condannati rispettivamente a tre anni e dieci mesi e a tre anni e sette mesi in primo grado. Con la sentenza è stata anche confermata la condanna della società Unipol al pagamento di 420 mila euro.

L'accusa - Secondo l'accusa, Unipol, insieme ad altre società, avrebbe violato la legge che impone alle aziende di predisporre modelli organizzativi atti a prevenire reati. Unipol, insieme ad altre banche amiche, nell'estate del 2005 avrebbe siglato un patto per garantire al gruppo il controllo dell'ex istituto del Tesoro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog