Cerca

Dubbi sul gettito

Tobin tax, l'eredità di Monti: stanga chi risparmia e salva chi specula

Il balzello prevede un prelievo dello 0,12% sulle transazioni svolte in un giorno. Esenti quasi tutti gli strumenti derivati

Tobin tax, l'eredità di Monti: stanga chi risparmia e salva chi specula

di Claudio Antonelli

La nuova tassa arriverà a marzo. Senza contare che potrebbero essere smentiti, in molti l’hanno già battezzata l’ultima eredità del governo Monti I. La Tobin Tax, così come sarà applicata nel nostro Paese, prevede un prelievo dello 0,12 sulle transazioni svolte in un giorno (anche di fronte a minusvalenze e perdite). Nel caso di azioni negoziate in mercati non regolamentati, l’aliquota sarà dello 0,22%. Saranno esenti market maker e le transazioni in Borsa di azioni emesse da società con capitalizzazione inferiore a 500 milioni di euro. Che, per capirsi, sono meno del 5% del listino.  Per i sistemi di trading ad alta frequenza, l’emendamento introduce una tassa con un’aliquota dello 0,02 per cento. Invece – e non si tratta di una sorpresa – sono esenti da prelievi quasi tutti gli strumenti derivati, i tanto odiati strutturati che hanno portato al crac Lehman nel 2008. Ovviamente esenti anche i Btp, altrimenti lo Stato a chi venderebbe più il proprio debito? Domanda retorica. Nessuna retorica invece nel fatto che la Tobin tax in salsa montiana  -e non lo diciamo per populismo - finisce col colpire quello che in modo politicamente scorretto viene definito “parco buoi”. I piccoli investitori, quelli che fanno trading nella speranza di pagarsi il bollo dell’auto.  Inutile dirlo, anche se la tassa si applica a tutti gli investitori, pure gli esteri che operano in Italia, da marzo ci sarà una fuga da Piazza Affari. Tanto che numerosi analisti, tre dei quali contattati da Libero, prevedono che del miliardo abbondante di gettito stimato, la Tobin tax non produrrà più di 200 milioni di euro. Ma in compenso desertificherà la Borsa. Esattamente come è successo in Svezia. 


Leggi l'articolo integrale di Claudio Antonelli
su Libero in edicola oggi, venerdì 14 dicembre

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gregio52

    14 Dicembre 2012 - 22:10

    Non è giorno che in un modo o nell'altro questi tecnici trovano il modo per fregare i soldi alla povera gente e GUARDA CASO I LORO SOLDI NON VENGONO TOCCATI. Il debito pubblico è sempre più alto e questi tecnici non fanno che aumentarlo sempre di più. Complimenti avete dimostrato quanto siete BRAVI. Quindi come ha detto il Presidente Napolitano non bisogna vanificare lo sforzo degli italiani... giusto NON DEI POLITICI ITALIANI compresa la stessa persona del Presidente. QUI DI SACRIFICI SONO FATTI SOLO DALLA POVERA GENTE NON DA VOI.Sveglia ITALIANI !!!!

    Report

    Rispondi

  • ellemanga

    14 Dicembre 2012 - 17:05

    Questi sono i geni delle ca.....te. Fossero almeno un po' furbi, invece nemmeno quello. Non si sono accorti che i padroni tedeschi hanno accantonato l'idea?? Hanno forse detto: 'andate avanti voi, che a noi scappa da ridere??" Se cosi' fosse, sarebbe tutto chiaro. Mister:obbedisco, cosi' mi dite che sono bravo, e' uno stacanovista quando si tratta di compiacere frau culona.

    Report

    Rispondi

  • arch

    14 Dicembre 2012 - 10:10

    Dopo 50 anni che le auto si intraversavano finalmente l'obbligo di catene a bordo. Ora che tutti le hanno comprate è d'obbligo il pneumatico termico. Allora: comprate azioni di case di pneumatici, ma attenti c'è la Tobin Tax, il governo vuole la sua fetta, sempre. Praticamente è come andando a comprare la finocchiona accadesse questo: vorrei un etto di salame, dici al salumiere, eccolo signore. Ma sono solo 80 grammi, 8 fette! ribatti te. Si signore, 20 grammi, 2 fette, vengono inviati direttamente al ministero delle finanze!!!!

    Report

    Rispondi

blog