Cerca

Brutte sorprese

Lo spread cala ma i risparmi non finiranno nel taglia-tasse

Il differenziale tra Btp e Bund è sceso (grazie a Mario Draghi) ma non si tradurrà in un calo della pressione fiscale: ecco perché

Lo spread cala ma i risparmi non finiranno nel taglia-tasse

Il calo dello spread, unico successo che Monti può  presentare dopo tredici mesi di governo (ma che va attribuito più correttamente al muro anti-speculatori innalzato a luglio dalla Bce), non si tradurrà in un calo della pressione fiscale. Le maggiori entrate legate ai risparmi  provocati dal ribasso  del differenziale tra Btp e Bund  non andranno  infatti al «Fondo per la riduzione strutturale della pressione fiscale». Lo  prevede  espressamente un emendamento al ddl Stabilità  approvato ieri dalla commissione Bilancio del Senato, nel quale viene indicato che i risparmi da spesa per interessi debbano «più appropriatamente, andare a vantaggio dei saldi di finanza pubblica». Il provvedimento prevede che nemmeno i recuperi di contributi previdenziali  finiscano  nel fondo «taglia-tasse».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Chry

    28 Dicembre 2012 - 14:02

    tutti hanno capito l'importanza dello spread, tranne uno, il solito coglione

    Report

    Rispondi

  • ellemanga

    16 Dicembre 2012 - 17:05

    Se non si impone un tetto massimo alla disponibilita' di ciascun ente pubblico, non si uscira' mai dall'oppressione fiscale. Comuni, Provincie, Regioni, e tutti gli altri enti pubblici sono pozzi di San Patrizio. Piu' soldi gli si danno, piu' spendono e piu' ne vogliono. Bisogna smettere di dargliene. E la piantino con la storia che se non gli si danno sempre piu' soldi, non possono fornire i servizi. Ma quali servizi?? Si paga tutto. O almeno ci sono quelli che pagano tutto e quelli che non pagano niente. Nelle famiglie non funziona cosi'. Non si hanno stipendi che crescono sempre, in relazione al costante aumento della spesa. Si fa con quello che si ha. E gli Enti dovrebbero fare altrettanto. Comincino a dire qualche no a tutti quelli che fanno la fila a chiedere:contributi alloggio, pagamento bollette, asili gratis e compagnia briscola . Non si puo' continuare a tartassere sempre i soliti per mantenere gli altri. BASTA NON SE NE PUO' PIU'.

    Report

    Rispondi

  • hilander

    16 Dicembre 2012 - 12:12

    i nostri risparmi finiranno nelle solite tasche ....

    Report

    Rispondi

blog