Cerca

Le pagelle di Bruxelles

L'Ue bastona l'Italia: "Troppo debito e poca produttività"

L'Ue bastona l'Italia:  "Troppo debito e poca produttività"

L'Unione europea rimanda l'Italia: troppo debito, poca produttività e manovre insufficienti. La Commissione europea ha reso note questa mattina le valutazioni sui progressi compiuti dagli stati membri dell’Ue per far fronte agli squilibri macroeconomici. Lo squilibrio richiede uno “speciale monitoraggio” da parte dell’Ue che farà rapporto all’Eurogruppo sulle riforme italiane e a giugno “deciderà ulteriori passi”. L’Italia è nella zona rossa tracciata dalla Commissione, insieme a Croazia e Slovenia. Una bocciatura che risulta ancor più indigesta nel giorno in cui lo spread tocca un minimo da oltre tre anni e i rendimenti decennali dei Btp sfiorano il minimo storico toccato nell’agosto del 2005. Un segno questo che i funzionari di Bruxelles sono più duri da convincere, rispetto ai mercati.

Un debito alle stelle - “L’Italia deve far fronte all’altissimo livello di debito pubblico e alla debole competitività – dice la commissione Affari economici di Bruxelles - Entrambe sono radicate nella flebile crescita della produttività e richiedono politiche urgenti. La necessità di un’azione decisa per ridurre il rischio di effetti perversi nel funzionamento dell’economia italiana e dell’intera Eurozona è particolarmente importante visto il peso dell’economia italiana”.

Una sfida difficile - Sarà una sfida difficile per L'italia. La bocciatura è forte per la politica italiana, a prescindere da chi ha occupato i posti di governo negli ultimi tempi. Perché se l’Ue segnala “progressi nel 2013 in merito agli obiettivi di consolidamento fiscale”, aggiunge anche che “gli aggiustamenti del bilancio strutturale nel 2014 secondo le ultime previsioni sono insufficienti”. Insomma non proprio proprio tranquilla la vigilia del primo viaggio di Matteo Renzi a Bruxelles per il summit straordinario sull'Ucraina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • guifra35

    21 Aprile 2014 - 22:10

    E' vero che gli ultimi tre governi voluti da questo Presidente della Repubblica hanno peggiorato ulteriormente le condizioni generali di questo paese, ma l'UE sta un po esagerando nell'accanirsi contro l'Italia, grazie anche all'assenza di qualche politico con le palle. A questo punto ci vorrebbe un serio approfondimento, fatto da veri esperti di economia ed eventualmente uscire fuori dall'Euro.

    Report

    Rispondi

  • estremista

    06 Marzo 2014 - 09:09

    2 semplici cose....il deficit italiano è l'altra faccia della medaglia del surplus tedesco....a buon intenditor poche parole....le politiche di rigore ed austerità sono x definizione recessive, quindi calo della domanda e conseguente calo della produttività....se non c'è sufficiente domanda di beni e quindi necessità di produzione così a occhio secondo voi la produttività aumenta o diminuisce???

    Report

    Rispondi

  • bobwizard

    06 Marzo 2014 - 09:09

    la grande bellezza che ha vinto l'oscar comprato grazie ad abberluscone che ha fatto il regalo alla partenopea pascale amica del regista sorrentino, a quel punto il secondo interlocutore, giacchè il primo si esprimeva hai visto anche l'euro con l'italia è protagonista, ha realizzato che l'italia e non l'avrebbe mai pensato visto che razza di posto siamo, fà parte dell'euro e quindi dopo essersi ac

    Report

    Rispondi

  • Giumaz

    05 Marzo 2014 - 19:07

    Parlano i buoni... a nulla. Quelli che spendono i miliardi rubati ai paesi europei per produrre il vuoto assoluto: carta straccia e chiacchiere inutili.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog