Cerca

Il piano del premier

Irpef, Renzi taglia 10 miliardi

Quella che comincerà lunedì 10 marzo sarà una settimana cruciale per il governo Renzi. Mercoledì prossimo il consiglio dei ministri varerà una riduzione dell'Irpef per il valore di circa 10 miliardi e - secondo quanto scrive Repubblica - si profilano fino a ottanta euro netti in più in busta-paga al mese per il 2014 per i redditi sotto i 25mila euro lordi. L'operazione del taglio delle tasse sul lavoro prevede uno stanziamento da dieci miliardi di euro. Per quanto riguarda le "risorse", Renzi conta di poter recuperare cinque sei miliardi dalla spending review, cioè dai tagli selettivi alla spesa pubblica. Il resto dovrebbe arrivare dal rientro dei capitali in vista dell'accordo con la Svizzera che dovrebbe essere firmato a breve.


Irpef o Irap? In realtà c'è molta tensione nella maggioranza sul tema del rilancio dell'economia: sarebbe stata accantonata infatti l'idea di indirizzare tutti i dieci miliardi sull'Irap delle imprese  (idea ancora caldeggiata dai sindacati e dal sottosegretario all'Economia Enrico Zanetti) a favore dell'Irpef (è questa la posizione di Renzi e di Padoan). Ma su questo punto si è già fatto sentire Angelino Alfano . Il ministro dell’Interno e leader del Ncd, in un tweet scrive: "L'azione del governo deve essere duplice, con riduzione dell’Irap per le imprese e riduzione dell’Irpef per i lavoratori". E aggiunge: "Per questo secondo Alfano "assieme alla necessità di diminuire il più velocemente possibile la pressione fiscale su imprese e famiglie e di semplificare il sistema fiscale, bisogna soprattutto eliminare l’oppressione burocratica che frena chiunque svolga o intenda svolgere un’attività economica: una riforma praticamente a costo zero, che vale un patrimonio". Sulla stessa posizione di Alfano anche il ministro del Lavoro Giuliano Poletti. La tesi di Renzi è che tagliare entrambi, agire sia sull'Irpef e sull'Irap non serve a niente. Meglio fare una scelta. E lui avrebbe scelto. Secondo la ricostruzione di Repubblica a convincerlo sarebbero stati i dati sul calo dei consumi negli ultimi mesi. Il Pil è caduto di quasi due punti e la domanda è scesa così fortemente che alla recessione si è aggiunta anche il crollo dei prezzi. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Beppe.demilio

    13 Marzo 2014 - 05:05

    E' mio forte desiderio ricordare allo smemorato comico Renzi che chi ha pagato di più la crisi economica sono i pensionati grazie a Napolitano - Monti . Il furto sulle pensioni continua. I pensionati non avendo potere contrattuale ,grazie ai sindacati, vengono privati della pensione anno dopo anno perché ,è bene ricordarlo, gli onesti contribuenti sono dei coglioni!

    Report

    Rispondi

  • SiamologiciPerdiana

    08 Marzo 2014 - 14:02

    Irap e sopratutto Irpef se vogliamo salvare il paese, da anni sono congelati gli adeguamenti Istat, siamo sull'orlo fel suicidio per qualcuno e' suicidio di Stato. abbassare del 10% il costo dello stato e' una cosa da ridere, chiamatemi lo faccio io !

    Report

    Rispondi

  • fossog

    08 Marzo 2014 - 14:02

    se taglia le tasse è una cosa buona, solo che sono ancora chiacchere mentre lo Spreco Corrente Annuo dello stato/politica è una Realtà pluridecennale che ci costa oltre 100 Miliardi annui. Renzi si compri un paio di libri di Stella o di Giordano o di Rizzo ecc, e cacnelli pedissequamente gli sprechi elencati. Li verifichi se vuole ''in modo VELOCE'' ma tagli gli sprechi. La pazienza è FINITA.

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    08 Marzo 2014 - 13:01

    Vogliono dar da bere agli Italiani, che nel governo del comunista Renzi, ci sono due partiti, che son lì per il bene del Paese: il ncd di Alfango ed il pd ! Attenti, è tutta una montatura studiata ad arte, per ingannare gli incazzati Italiani ! In realtà, son tutt'uno, che vogliono far credere, che mentre uno tassa, l'altro protesta e detassa, per tentare di ammorbidire la fregatura....!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog