Cerca

La risposta

Governo, Padoan: "Serve rigore per avere i conti in regola"

Governo, Padoan: "Serve rigore per avere i conti in regola"

Il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan parla dal forum di Confcommercio a Cernobbio e manda un messaggio a Renzi: "Crescita sì, ma con i conti a posto". Un richiamo al rigore quello del titolare di via XX settembre che rischia di mandare in fumo i progetti del premier: "Non abbiamo alternative. Dobbiamo crescere, recuperare competitività, creare buona occupazione, senza mettere a rischio i conti pubblici. La stabilità di bilancio - ribadisce - è condizione indispensabile per permettere lo sviluppo futuro del paese. La strategia di politica economica del governo si basa sul rafforzamento del processo di consolidamento dei conti pubblici".

"Signor no" - Padoan poi sottolinea: "il ministro dell'Economia è tradizionalmente il 'signor no'. Sto imparando il mestiere, spero anche a schiacciare i bottoni. Credo tuttavia che il vocabolario di un ministro debba essere più ampio di questa singola parola". Nel secondo trimestre del 2013 , aggiunge Padoan, ci sono stati dei miglioramenti ma "il quadro congiunturale è fragile e ancora esposto a molti rischi".

Le riforme - Tra questi il fatto che il 30% della popolazione italiana è a rischio di disagio sociale, una quota che nel 2008 era del 25,3%, contro una media europea inferiore al 25%. "Il problema del patto di stabilità interno, e le sue distorsioni - prosegue il responsabile di via XX Settembre - sono all'esame del Governo, anche se sappiamo che ci saranno dei costi aggiunti". Le misure messe in atto da Palazzo Chigi "hanno un orizzonte temporale di medio periodo. Non ha senso pensare a riforme che non abbiano questo orizzonte temporale", ha concluso il ministro. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    23 Marzo 2014 - 13:01

    Caro ministro, anche uno studente al primo anno di economia sa che la crescita e il rigore in una situazione di stagnazione del mercato, diminuzione dei consumi, tassazione elevata, carenza infrastrutturale e disoccupazione crescente non possono andare d'accordo. Nessuna nazione è mai uscita dalla recessione con il rigore. Finitela, per cortesia, di prenderci per il c..o!!

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    22 Marzo 2014 - 23:11

    anche lui fa parte del club bildemberg?

    Report

    Rispondi

  • Mylaura

    22 Marzo 2014 - 21:09

    caro ministro lei non è niente non è stato votato è quindi lei e renzi a casa.......

    Report

    Rispondi

  • marcopezzi

    22 Marzo 2014 - 18:06

    no caro ministro serve un cz di giverno eletto dai cittadini con cz di ministri eletti dai cittadini non voi buffoni patetici imbecilli schiavi di quest'europa che NON vuole nessuno. parla di investimenti e crescita quando i cittadini non sanno nemmeno quanto pagaranno di tasse perchè non fanno altro che aumentarle. PARASSITI FATE SCHIFO!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog