Cerca

Tinte rosse

Juncker cita Marx: "Introdurre il salario minimo"

15
Marx e Juncker

Marx e Juncker

Il giorno successivo gli sconcertanti dati sul calo del potere d'acquisto delle famiglie italiane e quelli sulla disoccupazione, nel Belpaese si celebra la caduta dello spread. Il famigerato differenziale che ha "abbattuto" Silvio Berlusconi e ci ha imposto Mario Monti continua a diminuire: anche se il Professore è premier uscente, ecco che lo spread rincula al di sotto dei 270 punti base. Una quota che non si vedeva da un anno e mezzo, dal luglio del 2011 per essere precisi: l'ulteriore livellamento al ribasso è arrivato dopo l'asta dei Bot del Tesoro, con scadenza a un anno, decisamente positiva. Per quel che concerne il rendimento, anch'esso in calo, si è attestato allo 0,864%, un dato che non si incontrava dal gennaio del 2010.

Juncker e l'occupazione - Chi invece non si attempa nel celebrare lo spread è il presidente dell'Eurogruppo, Jean-Claude Juncker, focalizzato sul fronte occupazionale, che desta (eufemismo) non poche preoccupazioni. Nel corso di un'audizione al Parlamento europeo ha snocciolato le cifre: "Nell'area euro la disoccupazione supera l'11 per cento. Stiamo sottovalutando l'enorme tragedia". Per inciso, gli ultimi dati sulla disoccupazione in Italia davano conto della catastrofe dei giovani: il 37,1% della fetta di popolazione che ha tra i 15 e i 24 anni non ha un lavoro (in cerca di occupazione, secondo le rilevazioni, ci sarebbero 641mila giovani).

Una Ue bolscevica - Ed è dopo una premessa tanto spaventosa quanto necessaria che Juncker, nella medesima sede istituzionale europea, si è dilungato sulle possibili strade da percorre per uscire dalla crisi occupazionale. E con grande sorpresa, il presidente ha dato una spruzzata bolscevica al suo intervento. Prima ha auspicato "un ritorno alla dimensione sociale dell'unione economica e monetaria", e poi, citando Karl Marx ha caldeggiato "misure come il salario minimo in tutti i Paesi". Secondo Juncker, se non si arrivasse a tale soluzione "perderemmo credibilità e approvazione della classe operaia, per dirla con Marx" (appunto, ndr). E ancora: "I tempi che viviamo sono difficili. Non dobbiamo dare all'opinione pubblica l'impressione che il peggio sia alle nostre spalle".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mania

    11 Gennaio 2013 - 11:11

    UE bolscevica non è semplicemente una scemenza,lo è realmente purtroppo, o perlomeno ,sognando, vorrebbero lo diventasse,se non fosse che tanti che hanno provato sulla loro pelle direttamente i bei risultati dell'utopia comunista, non ci stanno così come la maggioranza del popolo italiano,mai stato di sinistra e mai lo sarà

    Report

    Rispondi

  • Franztradizione

    11 Gennaio 2013 - 11:11

    una antica e sempre valida ricetta: - ritorno alla Nazione e all'interesse nazionale, uscita immediata da ogni organismo sovranazionale; - uscita dall'euro; - ritorno all'economia reale i.e. manufatturiera; - incentivazione della ricerca e protezione (per il tempo necessario) alle industrie strategiche per il Paese (cosa fatta a suo tempo anche dai giganti d'oriente); - espulsione delle c.d. "risorse per l'Italia" (quelli che stanno tanto simpatici al cattolico adulto Riccardi) e di tutti coloro che cooperano alla babilonizzazione di casa nostra.

    Report

    Rispondi

  • sebin6

    11 Gennaio 2013 - 10:10

    bisogna che il salario sia sotto la soglia della sussistenza, solo così potrà scoppiare una bella rivoluzione e potremo tagliare la testa del cogl*one che ha scritto l'articolo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media