Cerca

I conti senza l'oste del ministro

Madia, bocciato il ricambio generazionale nella PA

Stop dalla ragioneria generale dello Stato: mancano le coperture

Madia, bocciato il ricambio generazionale nella PA

Si dice "fare i conti senza l'oste". Dove i conti sono quelli, sconclusionati, del ministro della Pubblica amministrazione Marianna Madia. E l'oste è la ragioneria dello Stato. che oggi ha sostanzialmente bocciato la proposta della Madia di un "ricambio generazionale" all'interno della PA, col pensionamento dei dipendenti più anziani per far posto ai giovani. Un'idea, quella del ministro, che nei giorni scorsi era stata bocciata da più parti: in primis dai sindacati. Ma lei, divenuta famosa per aver sbagliato ministero quando ancora era una semplice componente della segreteria Pd in missione, è andata avanti dritta e spedita sostenendo che le risorse per attuare il ricambio generazionale si sarebbero generate da "risparmi".

Oggi lo stop: "Se prevedo un ricambio, ho da pagare una pensione in più e uno stipendio e poi ci sono gli effetti sull'anticipo dell’età pensionabile e quello della buona uscita, c'è un impatto" ha spiegato il capo dell’Ispettorato generale per la spesa sociale della Ragioneria Generale dello Stato, Francesco Massicci, parlando di fronte alla commissione di controllo sull'attività degli enti previdenziali. Secondo Massicci, l’operazione sarebbe a costo zero "se si manda via una figura diventata obsoleta che non si deve rimpiazzare, ma la condizione viene meno se invece si manda via una figura che deve essere sostituita". Massicci ha fatto anche un esempio: "Se pensioniamo gli insegnanti di lettere, ma resta la cattedra e devo rimpiazzarli, abbiamo da pagare la pensione, lo stipendio e la buonuscita". E’ c'è da considerare anche "un effetto sull'anticipo dell’età pensionabile". La legge, ha osservato, "deve prevedere una copertura perchè c'è una spesa pensionistica in più".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ortensia

    04 Giugno 2014 - 09:09

    @CICCI: Chi e' costei?!! E' Calabrese e non cosi' bionda come appare Vanta parenti che erano gia' in parlamento al tempo di Mussolini . E' talmente sofisticata che un suo filarino fu persino il figlio di Napolitano . Insomma, non e' ' la figlia dal "pover sciugaman "come tutti noi . Persino Renzi , santo subito,avra' avuto i suoi motivi per piazzarla dove sta.

    Report

    Rispondi

  • CICCI1938

    14 Maggio 2014 - 18:06

    Ma questi ministri da dove gli ha tirati fuori Renzi?

    Report

    Rispondi

  • gian49

    03 Aprile 2014 - 15:03

    I raccomandati continuano ad imperversare e a rovinare l'immagine del paese come questa tizia incompetente che non so per quali meriti ed esperienza sia stata nominata ministro. Nutro una profonda avversione per questa categoria che rappresenta uno dei peggiori mali italici.

    Report

    Rispondi

  • dopolanotte

    dopolanotte

    03 Aprile 2014 - 14:02

    Finalmente una sconfinata serie di critiche intelligenti e costruttive! Dove erano nascoste tutte queste teste di economisti durante il Regno di Berlusconi I, quando l'unica riforma concreta è stata quella di sdoganare l'immoralità più squallida? Tutti bravi, tutti con laurea della Bocconi al seguito, evidentemente, anche se scrivere in Italiano aiuterebbe a sembrare meno quelli che si è! :-)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog