Cerca

Il def

Def, Renzi: "Ci sono le coperture per gli 80 euro"

Def, Renzi: "Ci sono le coperture per gli 80 euro"

"Quattro miliardi e mezzo li prenderemo dalla spendig review, altri due li prenderemo dall'aumento dell'Iva e dalla tassazione sulle banche". Matteo Renzi parla in conferenza stampa a palazzo Chigi, presentando il documento economico finanziario, chiarisce da dove arriveranno le coperture per i famosi 80 euro in busta paga. Secondo il premier le coperture arrivano riguarda due terzi del 2014, perchè va da maggio a dicembre e sarà inserita nel decreto che sarà varato venerdì 18".

Il bonus in busta paga -  La copertura per il taglio dell’Irpef e gli 80 euro in busta paga dunque, sarà così formata: "4,5 miliardi verranno dalla spending review, che è una rimodulazione della spesa, non solo un taglio, 2,2 miliardi verranno dall’aumento del gettito Iva e dall’aumento della tassazione sulla rivalutazione delle quote di Bankitalia".

Giallo sulla durata - Ma attenzione alle scadenze: "La copertura riguarda due terzi del 2014, perchè va da maggio a dicembre e sarà inserita nel decreto che sarà varato venerdì 18". Un messaggio sinistro quello del premier che già annuncia all'orizzonte forse una retromarcia sul bonus in busta paga per il 2015. Intanto Renzi continua a sottolineare come le risorse per il taglio dell'Irpef arrivino principalmente dalla spending review: "Confermo l’impegno sullo 'sforbicia Italià: ridurre il numero dei dirigenti nelle varie strutture" dell’amministrazione pubblica è possibile "solo se tu puoi dire che anche la politica ha stretto la cinghia. Solo allora hai l'autorevolezza di dire adesso tocca alla pubblica amministrazione".

Lo spot - Poi ritorna la televendita in vista delle europee e il cavallo di battaglia è sempre lo stesso: "Gli 80 euro in busta paga non sono una scelta demagogica, ma una scelta di giustizia sociale". Il premier archiviato lo spot sulle buste paga parla anche del taglio agli stipendi per i manager pubblici: "Con il decreto per il taglio dell’Irpef che approderà in Consiglio dei ministri il 18 aprile "i manager pubblici non potranno prendere più del capo dello Stato". Insomma il premier prova a fare le sforbiciate e dare una "mancia" agli italiani ma in realtà le sue mosse sono solo frutto di un'esigenza: assicurarsi i voti alle europee per blindarsi a palazzo Chigi. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fraferra

    30 Aprile 2014 - 08:08

    Per salvare l'Italia bisogna tagliare le spese dello STATO!!!! Tutta quella gente che non serve a nulla e che porta a casa super stipendi e super pensioni è quella che fa affondare l'Italia !!! Ci vogliono 100 MANNAIE e tagliando dappertutto l'Italia è già salva!!! Ma tutti dicono che non si può a partire dalla Core Costituzionale, una società di Ladroni!!

    Report

    Rispondi

  • encol

    10 Aprile 2014 - 11:11

    Si stanno reclamizzando con enfasi sproposita e senza pudore Euro 80,00 in busta paga come se fosse oro colato mentre di fatto è una mancia a termine giusto per valorizzare una campagna elettorale. Il tutto copiato dal Silvio prima maniera. Mai fidarsi di un venditore di pentolame alla guida di una azienda men che meno di un governo-

    Report

    Rispondi

  • Beppe.demilio

    09 Aprile 2014 - 05:05

    Se i tifosi del PD, e tutti gli altri Italiani, non hanno capito che Renzi è SOLO un bravo comico che sa vendersi bene in vista delle prossime elezioni è perché vogliono seguitare a essere presi per il sedere. La sinistra pur di vincere le elezioni farebbe votare fin da subito gli invasori immigrati compresi quelli in attesa di imbarcarsi per l'Italia . Due comici sono troppi. SVEGLIA!

    Report

    Rispondi

    • casey27

      09 Aprile 2014 - 08:08

      Parli di Berlusconi ? Si sa ...fin dal governo Monti , chi sfascia va in coppia .

      Report

      Rispondi

  • chucknorris

    08 Aprile 2014 - 21:09

    La gente si fa abbagliare dalla propaganda comunista e probabimente riusciranno nell'intento, ma attenti, quante famiglie ne benificeranno"poche" e solo per il 2014 e per i pensionati,per i disoccupati,per i cassaintegrati,per gli artigiani,per gli autonomi che si trovano nelle medesime condizioni economiche. Aprite gli occhi gente non fatevi comprare per pochi denari.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog