Cerca

Le reazioni

Tutte le critiche alle nomine di Renzi: donne senza potere, il manuale Cencelli, sempre gli stessi nomi

Matteo Renzi

Rappresentanza senza potere. E' questa la critica maggiore alla rivoluzione in rosa di Matteo Renzi per quanto riguarda i vertici delle partecipate dello Stato. Perché sì, è vero che ora c'è Emma Marcegaglia all'Eni, Luisa Todini alle Poste, Patrizia Grieco all'Italgas e Carla Bastioli a Terna, ma il loro ruolo sarà quello di Presidente che ha molto, molto potere in confronto a quello dell'Amministratore delegato che invece è stato affidato a dei signori.

Cercasi manager disperatamente - Non solo. I nomi sono sempre gli stessi. "La triste verità", fa notare Sergio Rizzo, "e lo confermano le scelte degli amministratori esecutivi è la generale povertà della nostra classe manageriale". "Ogni ricambio", continua l'editorialista del Corsera, "si rivela smpre estremamente difficile: nelle imprese pubbliche poi assume spesso di una missione impossibile. Le scuole manageriali, quale per esempio era l'Iri, sono chiuse da un pezzo. E in quelle della pubblica amministrazione la direzione aziendale non è materia d'insegnamento. I manager giovani e di valore preferiscono l'estero il privato e non sono attirati da incarichi pubblici nei quali rischiano di subire i condizionamenti politici e delle lobby. Prova ne siano i rifiuti che Renzi ha dovuto incassare". "Voleva manager internazionali formatisi nel mondo globale, magari leader di aziende americane", rivela nel retroscena di Repubblica Roberto Mania. "Non è riuscito a trovarli ricevendo qualche clamoroso rifiuto (Vittorio Colao, ad di Vodafone) e i preventivi 'no grazie' da un paio di quarantenni molto corteggiati (Andrea Guerra di Luxottica, oritagonista dell'ultima Leopolda renziana e Lorenzo Simonelli di General Electric Oil Gas che ha preferito restare nella multinazionale americana dove ha fatto una carriera strepitosa).

Il manuale Cencelli - Altra critica piovuta addosso al premier è quella di aver attinto a mani basse nella sua cerchia di amici e finanziatori, nonché di aver usato il manuale Cencelli per spartire le poltrone. "I nomi per i cda sono scelti con grande cura", scrive Stefano Feltri nel suo editoriale sul Fatto quotidiano. "Di quasi tutti è facile ricostruire la casacca politica e il grado di fedeltà renziana, più oscuri i meriti di curriculum". Da parte sua Marcello Sorgi, sulla Stampa, fa notare che le quote rosa delle aziende di Stato profumano di larghe intese. "Luisa Todini e Emma Marcegaglia non sono certo sgradite al centro destra e questo spiega perché nei corridoi di Montecitorio l'interpretazione corrente è stata quella di un viatico alla ripresa di rapporti tra Renzi e Berlusconi celebrata a tarda sera tra i due leader".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    15 Aprile 2014 - 15:03

    Renzi che, prima delle nomine, và dal ''napoletano'' Napolitano.... donne presidenti che non contano un c...o, e allora mi chiedo il perchè di nomine che non servono ? Moretti, il peggior manager delle peggiori ferrovie dell'ovest europa che pretende arroganti stipendi milionari per i suoi fallimenti è spostato alla soc principe delle tangenti, cioè Finmeccanica. A ''chi'' serve Moretti ?

    Report

    Rispondi

  • gigi il negher

    15 Aprile 2014 - 13:01

    alejob - in fondo è il ripetersi del berlusconismo (speriamo senza evasione, corruzione, truffa, sfruttamento e prostituzione)

    Report

    Rispondi

    • Garrotato

      15 Aprile 2014 - 16:04

      Ottimismo della volontà, immagino, il suo... Io non ci metterei la mano sul fuoco, però.

      Report

      Rispondi

  • alejob

    15 Aprile 2014 - 12:12

    Ma non avete ancora capito che questo signore si droga, non sa quello che fa e meno quello che dice. Nessuno di voi è arrivato a capire, cosa voleva dire : (SE LA SINISTRA NON CAMBIA DIVENTA DESTRA). In cosa deve cambiare se è già di sinistra. Questo signore parla a vanvera, ma tutti come mammalucchii ci credono.

    Report

    Rispondi

  • pino&pino

    15 Aprile 2014 - 12:12

    gregio52 - Come si troverà l'Italia dopo questi nuovi "delinquenti" non lo sa nessuno. Come si trova l'Italia dopo quello vecchio di "delinquente", lo sanno tutti. Auguri per l'evasione.

    Report

    Rispondi

    • arwen

      15 Aprile 2014 - 16:04

      La cecità dell'ideologia è la malattia che ha divorato il paese e che ancora dilania l'italiai. Come staremo dopo? Lo vedemo ben presto, carissimo, xchè, come sempre sostenuto, i numeri nn hanno tessera di partito e se ne infischiano dell'ideologia. A oggi Renzi nn ha ancora fatto nulla. Il paese continua a peggiorare il debito pubblico a aumentare. Finora promesse, proprio come il delinquente.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog