Cerca

Mistero

Def, riunione capigruppo sospesa. Brunetta: "Vogliamo la lettera di Padoan"

Def, riunione capigruppo sospesa. Brunetta: "Vogliamo la lettera di Padoan"

Scintille tra Renato Brunetta e Laura Boldrini nella conferenza dei capigruppo alla Camera che deve dettare i tempi per l'approvazione in aula del Def prevista a partire da domani. La riunione ha avuto un brusco stop dopo la richiesta di Forza Italia di vedere la lettera che il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan avrebbe inviato alla Commissione Ue per avvertire che l'Italia ha rinviato dal 2015 al 2016 il pareggio di bilancio, come previsto dal Documento di Economia e Finanza. "Non possiamo approvare un Def al buio", ha detto Brunetta. "Conoscere il contenuto di quella lettera è fondamentale, perché rinviare di un anno il pareggio strutturale di bilancio non è cosa da poco. Vuol dire che il governo ha una visione negativa dell’andamento dell’economia e vuol dire che la finanza pubblica non consente di rispettare i vincoli", ha affermato. 

Il giallo - La tensione è arrivata al punto da far sospendere la seduta. "La presidente Boldrini si è alzata e se ne è andata", racconta Brunetta, "speriamo che sia andata a chiedere al governo della lettera del ministro Padoan. Io da qui non mi muovo...". Poi in una nota ha spiegato: "Renzi e Padoan, messi alle strette dalla nostra lettera inviata al presidente della Repubblica lunedì 13 aprile, inventano di avere inviato notifica formale alla Commissione europea per ottenere il rinvio al 2016 del pareggio di bilancio strutturale attualmente previsto per il 2015. Peccato che la Commissione europea non abbia ricevuto nulla. La vicenda è grottesca e inquietante. Basta con le bugie e le fanfaronate. Renzi riferisca in Parlamento. Altro che decreto sull'Irpef di venerdì santo!". 

Il testo della lettera - In serata la lettera viene diffusa dal ministero e battuta dalle agenzie di stampa: "Il Def serve come risposta del governo italiano agli effetti della pesante recessione che ha colpito l’economia nel 2012 e 2013, attraverso misure concrete per aumentare la crescita potenziale nel medio termine e per l’attuazione di audaci riforme strutturali. Il governo italiano, nel rispetto della clausola delle circostanze eccezionali, come prevista nella legge di pareggio di bilancio ha deciso di accelerare il pagamento dei rimanenti debiti pubblici arretrati per ulteriori 13 miliardi, che aumenteranno il rapporto debito/pil nel 2014". Il piano per riallineare i conti pubblici, si legge nella lettera, è illustrato nel dettaglio nel capitolo 3 del Def. Assicurando il pareggio strutturale nel 2016, il governo "procederà nel periodo 2014-2017 con un piano di privatizzazioni di circa lo 0,7 per cento di pil all’anno". Il governo annuncia infine che per il restante 2014 i risparmi della spending review "saranno usati per finanziare un ambizioso piano per ridurre il cuneo fiscale e aumentare la crescita potenziale dell’Italia nel breve e medio termine". "La Commissione prende atto della deviazione temporanea annunciata e il rinvio fino al 2016 del raggiungimento dell’obiettivo a medio termine. La Commissione valuterà il percorso di aggiustamento verso l’obiettivo di medio termine" è questa la risposta del vice-presidente della Commissione Ue, Siim Kallas, risponde alla lettera di Padoan

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • CICCI1938

    18 Aprile 2014 - 18:06

    Ma finalmente ci siamo resi conto che Renzi è un gran fanfarone o no? Poi la Boldrini per me non esiste proprio. Perchè non se ne torna all'ONU,forse è il suo posto esatto. Ha detto che presto andrà in Somalia;e suggerisco al popolo somalo: TENETEVELA la regaliamo.

    Report

    Rispondi

  • aifide

    17 Aprile 2014 - 10:10

    I soliti cialtroni! La Boldrini deve andarsene.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    17 Aprile 2014 - 09:09

    Quod erat demonstrandum, il DEF è solo carta straccia, le coperture nn ci sono, ergo Renzi ci ha solo preso per il c..o a scopo elettorale. Io vorrei che gli italiani, invece di dividersi come al solito tra guelfi e ghibellini, cominciassero a ragionare e seguissero il LORO interesse e non quello dei partiti o dei leader che, di volta in volta, si avvicendano raccontando tutti, le solite fregnacce

    Report

    Rispondi

  • kobra12

    17 Aprile 2014 - 09:09

    Brunetta ha la memoria "corta". Ha mai preteso venisse resa pubblica la letterina di Berlusconi e Tremonti in risposta ai "compiti a casa" impartiti dall'Europa all'ultimo governo Berlusconi?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog