Cerca

Le mani in tasca

Smartphone, rispunta la tassa: il "regalo" di Dario Franceschini

Smartphone, rispunta la tassa: il "regalo" di Dario Franceschini

Altro che 80 euro in più nelle tasche degli italiani per andare a mangiare fuori tre pizze in più all'anno. Il regalo del governo Renzi più che in pizzerie verrà speso per la tassa su telefonini, tablet, personal computer e televisori. Si tratta dell'equo compenso per copia privata dovuto alla Siae dai produttori di supporti digitali. Un indennizzo che chi compra dispositivi elettronici dotati di memoria (come appunto i telefoni e pc) deve versare alla Siae e quindi agli autori ed editori per le copie private (di canzoni, film, libri, ecc.) che su quel dispositivo verranno copiati. Una possibilità questa, concessa dalle moderne tecnologie, che ad esempio permettono di registrare brani coperti da diritto d’autore su più supporti elettronici. Secondo quanto riporta il Giornale, appena dopo Pasqua, martedì 23 aprile, il Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini per risolvere il tira e molla incontrerà attorno allo stesso tavolo le parti interessate: Siae, produttori e consumatori.

Una vecchia storia - Già la scorsa settimana, a margine di una presentazione stampa, il ministro aveva dichiarato: "E' mio dovere aggiornare le tabelle che sono ferme al 2009". In realtà, la tabella dell'equo compenso, doveva essere aggiornata già dal 2012 dal governo Monti, ma niente fu fatto a riguardo. Così la patata bollente era passata alla fine del 2013 nelle mani di Enrico Letta e del predecessore di Franceschini, il dalemiano Massimo Bray. "A febbraio - riporta il Giornale - era tutto pronto: il decreto avrebbe accolto i desiderata della Siae guidata da Gino Paoli (sì, proprio lui). La gabella sugli smartphone sarebbe passata da 0,9 a 5,2 euro (+478%); idem per i tablet (da 1,9 a 5,2 euro) e per le smart tv (da zero a 5 euro). Sui computer il balzello sarebbe salito a 6 euro (da 1,9 per quelli senza masterizzatore e da 2,4 per quelli con), mentre il prelievo sulle memorie portatili come le chiavette Usb sarebbe quasi raddoppiato (da 0,5 a 0,9 euro per Gigabyte). Un totale, come detto, da quasi 200 milioni, più che doppio rispetto all'attuale prelievo".

Franceschini ci mete la faccia - Poi, sempre la scorsa settimana, Franceschini spiegava: "Dobbiamo mettercelo tutti in testa, perché in Italia questa consapevolezza non c'è. Il diritto d'autore consente la libertà all'artista, quello che gli garantisce il suo spazio di creatività. E' in cima all'agenda europea, perché tutte le nuove tecnologie comportano questioni attinenti al diritto d'autore". Quindi continua e, consapevole che in questo caso, ovvero quando si tratta di pagare, la faccia ce la mette lui e non Matteo Renzi afferma: "Probabilmente mi prenderò fischi da tutti, perché così accade quando si devono fare mediazioni di questo genere, ma io ho l'obbligo di legge di rivedere le tabelle del 2009 che dovevano essere aggiornate nel 2012".

L'interpellanza - La situazione non è ancora chiara, o forse non lo è mai stata. Così alcuni parlamentari tra cui Stefano Quintarelli, Andrea Romano e Cristina Bargero lo scorso 11 aprile hanno posto al Ministro un'interpellanza, con il quale hanno chiesto di rendere pubblici gli esiti dell’indagine sulle nuove "abitudini digitali" dei consumatori commissionata dal precedente Ministro Bray. I parlamentari spiegano nella richiesta che questa ha l'obiettivo di "verificare se le copie private di opere musicali e cinematografiche siano davvero cresciute negli ultimi tre anni, tanto da legittimare un aumento dell’equo compenso del 500 per cento, come richiesto dalla Siae".  La risposta è arrivata alla Camera da parte di Enrico Costa, sottosegretario alla Giustizia, che ha precisato che "sarà cura del Governo rendere noti i criteri sulla base dei quali verranno parametrati i compensi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • farfallabianca

    20 Luglio 2014 - 00:12

    e la tassa che respiriamo quando?

    Report

    Rispondi

  • filder

    06 Luglio 2014 - 17:05

    Anche se franceschini per sembrare più interessante,siè fatta crescere la barba che lo fa sembrare come se fosse andato a sbattere contro una padella affumicata,la faccia rimane sempre quella e mi limito a non dire quale,lascio agli altri pensare quale: Fhui !!

    Report

    Rispondi

  • birbacco

    19 Aprile 2014 - 15:03

    L'industria delle creatività potrebbe dare un aiuto molto concreto all' economia del nostro Paese... L'equo compenso per la copia priava è ormai indispensabile, non capisco come sia possibile che al giorno d'oggi non sia ancora stato attualizzato!

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    18 Aprile 2014 - 21:09

    esempio di imbecillità: sono due cose differenti. 80 euro per mangiare, il telefonino o il tablet non vanno nel piatto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog