Cerca

La mossa

Il nuovo piano del Fisco: detraibili fatture e scontrini

Il nuovo piano del Fisco: detraibili fatture e scontrini

Un nuovo piano per il Fisco. Il governo sta studiando nuove misure soprattutto sul fronte delle detrazioni. Il progetto di via XX settembre prevede una vera e propria rivoluzione sulle ricevute fiscali. Si potranno scaricare, come anticipa il Messaggero, dalle tasse scontrini e fatture di riparazioni dell’idraulico, dell’elettricista, il montaggio delle tende e tanti altri lavori domestici. Questo il piano a cui, in attuazione della Delega fiscale, stanno lavorando Pier Carlo Padoan e i tecnici del ministero dell’Economia.

Cosa cambia - Oggi si possono scaricare scontrini e fatture sono per le ristrutturazioni edilizie straordinarie, interessi sui mutui e interventi di riqualificazione energetica sugli immobili. L’idea invece è di estendere questa possibilità anche a tutti i lavori in casa e per l’azienda.
Allo stato attuale si stanno verificando tutti i conti per capire se la misura fattibile per le casse dell'erario. Necessari saranno dei paletti: difatti si starebbe pensando di limitare le agevolazioni solo per le famiglie a basso reddito.

Chi riguarda - Secondo il piano chi ha un reddito basso potrebbe scaricare tutte le spese sostenute per la casa e quelle per la produzione del reddito. A patto di far parte di una classe di reddito medio-bassa. In via XX Settembre, ricordando che gli sconti fiscali concessi dallo Stato valgono sotto i 55 mila euro, ci si sta orientando su detrazioni selettive consentite solo a famiglie situate nelle aree di maggior disagio del Paese. Vale a dire, ad esempio, nuclei monoreddito con molti figli. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rocco gallo

    28 Aprile 2014 - 13:01

    bisogna assolutamente applicare il sistema x le detrazioni, abbassare le commissioni agli operatori commerciali eo professionisti che offrono il servizio carta di credito Rocco

    Report

    Rispondi

  • gmario52

    28 Aprile 2014 - 08:08

    Detraibilita per i redditi bassi nelle aree di maggior disagio , magari al sud dove il nero impera e la mafia governa

    Report

    Rispondi

  • bombadil

    28 Aprile 2014 - 08:08

    ....eletta.Un altro esempio per aquila azzurra:vi ricordate i morti cinesi a prato?enclave cinese che produce danaro esentasse da spedire tranquillamente nelle banche di Pechino?Befera dicci una parola dicci perché gli altri possono fare i loro porci comodi e affossare questo paese dalla agenzia delle entrate più stupida del pianeta intero?..

    Report

    Rispondi

    • giancarlosavoia303

      28 Aprile 2014 - 16:04

      ... Lungo l'elenco del cause ... Non ultima l'italica tendenza a evitare spregiudicamente ogni regola, che oltretutto raramente ha obiettivi che chiaramente aiutano i Cittadini ... cosa cominciare a cambiare? ... le regole o chi le fa ?

      Report

      Rispondi

  • FRAGO

    28 Aprile 2014 - 08:08

    Probabilmente come tutte le idee che vengono dai soloni di XX settembre sarà un buco nell'acqua, fuffa per gli elettori, premi per i dirigenti e straordinari per i controllori. Redditi medio bassi pagano in media meno del 22 % dell'IVA, o poco più. Meglio senza fattura subito che tanta burocrazia in più,lo stato non si fida di chiede le detrazioni, per avere due lire in meno un salto mortale fare

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog