Cerca

La storia

Così il fisco punisce chi aiuta i contribuenti

Così il fisco punisce chi aiuta i contribuenti

La scorsa estate, parafrasando una definizione di Italo Calvino del “bravo scrittore”, Attilio Befera inviò una lettera ai dipendenti spiegando che «il bravo funzionario pubblico è colui che si sdoppia sempre nel cittadino che ha di fronte».
Il principio, invocato dal direttore dell'Agenzia delle Entrate insieme a quello del “buon padre di famiglia”, sembra essere lo stesso a cui si è ispirata l'azione di un funzionario della Direzione provinciale di Ferrara il quale, accorgendosi di incongruenze o errori materiali nel versamento di tributi relativi ad atti notarili ed utilizzando prassi consolidate negli uffici del fisco, tentava di risolvere la pratica in via informale attraverso “avvisi bonari” inviati telematicamente o manualmente. (...)


Continua a leggere l'approfondimento di Sandro Iacometti
su Libero in edicola oggi mercoledì 13 maggio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    18 Maggio 2014 - 20:08

    Un piccolo aiuto?= Un aiutino? Sì, dammi i soldi che faccio lo spallone di mestiere. poi il Fisco protesta, io sono Santo Francesco e aiuto i poveri ricconi

    Report

    Rispondi

blog