Cerca

Oro nero

Petrolio, Croazia pronta a riempire l'Adriatico di piattaforme

Petrolio, Croazia pronta a riempire l'Adriatico di piattaforme

Siamo il maggior produttore europeo di petrolio se escludiamo Gran Bretagna e Norvegia coi loro giacimenti nel Mare del Nord. Una prerogativa che potrebbe però sparire presto, nonostante le nostre riserve di idrocarburi siano assai sotto-utilizzate. A superarci, di qui a qualche anno, potrebbe essere la vicina Croazia, che condivide l'affaccio sull'Adriatico. Il governo di Zagabria, come riporta un articolo del Messaggero, ha infatti lanciato una maxigara per la ricerca e lo sviluppo di idrocarburi.

Mentre i No Triv italiani hanno bloccato le ricerche e i progetti alle isole Tremiti, a poche decine di chilometri i croati sono pronti ad estrarre quello stesso petrolio e gas al quale Roma sembra rinunciare. E quello che succede a sud è lo specchio di quello che avviene anche nel Nord dell'Adriatico. Mentre le concessioni italiane rimangono al palo, frenate da complicati iter procedurali e da una cascata di autorizzazioni (comprese quelle della Regione Veneto) per iniziare solo a pensare di installare una piattaforma, la Croazia ha messo il turbo ai suoi progetti di sfruttamento.

Sotto i 12 mila chilometri quadrati di mare divisi in 29 concessioni ci sono 3 miliardi di barili, per i quali sono pronti a sfidarsi a suon di rilanci milionari tutte le grandi major mondiali, dalla Shell a Exxon, compresa l'italiana Eni. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    21 Maggio 2014 - 18:06

    Oggi. é meglio guardare alle fonti alternative. Ma chi ti ha detto che il petrolio ''é nostro''. Le Tremiti, un paradiso che frutta col turismo più del petrolio. Quindi i non Triv hanno ragione.

    Report

    Rispondi

  • esasperata49

    19 Maggio 2014 - 18:06

    Possibile che siamo i soliti Coglioni! No al nucleare xchè è pericoloso, peccato che abbiamo le centrali dei paesi confinanti a 2 passi da noi. No alla TAV, Ma una volta tanto vogliamo fare qualche cosa che ci porterà dai vantaggi economici senza dare continuamente retta ai VERDI-Ecologisti. Poi non lamentiamoci se paghiamo benzina/elettricità più cari di tutti gli altri!

    Report

    Rispondi

    • lepanto1571

      20 Settembre 2015 - 10:10

      Condivido! Anche se il turismo è importante, le risorse energetiche lo sono ancora di più. Ma ci faremo fregare ancora una volta. Comunisti anti italiani!

      Report

      Rispondi

  • deltabravo

    19 Maggio 2014 - 18:06

    Dai non aver paura tanto siamo e rimarremo sempre ultimi governati da questi imbecilli la cui madre è sempre in cinta e loro ne sono contenti perché la loro madre è il n°1 i padri 2.3.4.evia che siamo nel nuovo mondo di bengodi sono i nuovi che avanzano sui ns resti e dei ns figli che li stanno intruppando con ideologie farneticanti di finta democrazia la loro specialità della casa.

    Report

    Rispondi

  • gabryvi

    19 Maggio 2014 - 16:04

    L'Italia dei NO! Siamo ridotti con le pezze al culo! Associazioni, tribunali, leggi, leggine ..... noi proroghiamo ogni decisione per decenni, gli altri agiscono subito! Ci aveva provato anche il Berlusca a bypassare i veti di comuni, province e regioni, ma c'è sempre qualcuno che fa ricorso (e i giudici lo accolgono), e blocca tutto!! Viva l'Italia dei NO!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog