Cerca

Occhio allo spread

Giulio Tremonti: "Sono tornate le stesse condizioni della crisi del 2008"

Giulio Tremonti: "Sono tornate le stesse condizioni della crisi del 2008"

Recrimina di aver detto prima di tutti che la crisi degli ultimi anni sarebbe arrivata Giulio Tremonti e avverte che ne potrebbe arrivare una peggiore. I rialzi dello spread, oggi a 183 punti ma il 20 maggio a 190, sono un segnale per il senatore che deve interessare tutti i paesi periferici dell'Europa che con il differenziale Bund/Btp devono fare i conti. In un'intervista all'agenzia Vista l'ex ministro si toglie qualche sassolino dalla scarpa:
"Nel 2006 ho scritto sul Corriere della Sera che gli Stati Uniti e il resto del mondo avrebbero rischiato una crisi tipo quella del 1929". Le reazioni, ricorda Tremonti furono fredde: "Gli economisti mi dicevano che avevo sbagliato perché la crisi sarebbe venuta due anni dopo, nel 2008".

Aria di tempesta - "Le condizioni di allora - aggiunge Tremonti - sono uguali a quelle di oggi. Con una paura in più, perché nel frattempo sono stati usati i soldi dei governi, tutti finiti per troppi debiti. E' stata stampata nuova moneta, ma non lo si può fare per tanto tempo. Hanno in mente di fare quello che in inglese si dice bail in, cioè di "zampare" i risparmi dei cittadini in banca.

La soluzione peggiore del male - Penso che il rischio ci sia e l'unico modo è dividere l'attività bancaria. Se tu raccogli i risparmid ei cittadini e li impieghi per le imprese e per i cittadini è giusta la garanzia di Stato. Ma farlo per speculare e usare la garanzia di Stato, ma vi sembra una cosa giusta?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    28 Maggio 2014 - 14:02

    E' per questo che è meglio rivolgersi alla Posta Svizzera per i propri risparmi !

    Report

    Rispondi

  • geompiniliberoi

    22 Maggio 2014 - 17:05

    Tremonti sei solo un povero invidioso, stai zitto è meglio, povero berlusconi con ministri tipo questo e altri ha fatto i miracoli, bisognerebbe riempirli di calci in culo anche quando aprono la bocca per sbadigliare

    Report

    Rispondi

  • spalella

    22 Maggio 2014 - 13:01

    Costo Finale degli Appalti = + 40% rispetto alla Ue - Corruzione - Consulenze truffa - migliaia di Enti inutili - Migliaia di municipalizztae e centinaia di migliaia di Consiglieri in questi enti in perdita - Clientelismo - Poltrone inventate - Privilegi - Inefficenza - ecc ecc ecc - Non sono le NUOVE condizioni ad ucciderci, MA i VECCHI LADRI di PD e PDL.... CENTINAIA DI MILIARDI BUTTATI.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    22 Maggio 2014 - 13:01

    non le condizioni che sono tornate.... è lo spreco del milione e mezzo di zecche della politica che non è mai cessatoi. Basta leggersi i libri di Giordano o di Stella o di Rizzo e la delinquenza della vecchia politica emerge chiara. Renzi è vecchia politica perchè fà fumo con le Briciole e Salva le MANGIATOIE delle bestie del suo partito e del Pdl... per sopravvivere : Distruggere Pd e Pdl.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog