Cerca

Grande fratello fiscale

Corte dei conti avverte il fisco:
no uso disinvolto dei dati sui redditi

E l'Agenzia delle entrate precisa: controlli col redditometro quando le spese superano le entrate di mille euro al mese
Corte dei conti avverte il fisco:
no uso disinvolto dei dati sui redditi

Il famigerato redditometro potrebbe essere solo il primo livello di quel "grande fratello fiscale" che l'Agenzia delle entrate sta mettendo in atto. E i prossimi livelli sono già allo studio. Tra questi il più preoccupante potrebbe essere un rating di fedelta' per i contribuenti, ossia una sorta di pagella con un punteggio di rischio sul comportamento fiscale dei singoli cittadini o delle attività economiche. In pratica, una vera e propria schedatura che verbbe affibbiata a ogni contribuente consentendo agli 007 del fisco di tenere più sotto controllo gli "elementi a rischio". E' quanto emerge dal rapporto conclusivo della commissione parlamentare di vigilanza sull'Anagrafe tributaria. "Si tratta - spiega la commissione - di un salto di qualità nell'attività di analisi e selezione dei contribuenti che si concretizza nell'applicazione di un 'risk score' generalizzato per ogni contribuente, sia esso persona fisica o persona non fisica, per avere una visione globale che consenta di focalizzare l'attenzione su tutte le manifestazioni a rilevanza fiscale". 

Intanto, oggi, il vicedirettore dell'Agenzia delle Entrate, Marco Di Capua ha spiegato che il redditometro "interesserà situazioni in cui la spesa si discosta dal reddito di mille euro per dodici mesi l’anno". Cioè, di 12mila euro l'anno. Senza scaglioni in base al reddito. Un "limite", quello dei mille euro al mese di scostamento, che potrà creare fastidi anche a chi dichiara grosse cifre di reddito. Per esempio, è possibile che il contribuente che dichiara 100mila euro l'anno e li dichiara da anni e anni possa un anno sfondare il tetto dei 112 mila euro di spesa in un anno, avendo magari accumulato in banca un gruzzolo negli anni precedenti. E non si vede perchè debba essere tampinato dal fisco.

Proprio sull'uso dei dati personali si è espressa oggi la Corte dei conti, che ha messo in guardia da "un uso disinvolto delle informazioni non verificate». Lo ha detto il presidente della Corte, Luigi Giampaolino, auspicando che gli uffici abbiano «massima attenzione e massima cautela» nell'uso dei dati. Questo perchè "esistono situazioni in cui la titolarità formale di utenze e canoni non coincide con coloro che ne supportano l'onere finanziario. In questi casi occorrerà che gli uffici procedano con grande attenzione per arrivare all'effettiva titolarità soggettiva".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alfredo giulio

    17 Gennaio 2013 - 08:08

    Basterebbe una semplice leggina: Chi evade va in galera. Punto. Ma non ho mai saputo se per le sue prestazioni all'estero a Monti venivano versati i soldi in Italia.

    Report

    Rispondi

  • mallardogiulio

    17 Gennaio 2013 - 02:02

    invece di parlare,quandosi scende in piazza incazzati edire basta conla stasi ideata da Monti eBefera.che sia una dimostrazione spontanea di tutti,dai lavoratori alle imprese,sia di destra e sinistra.Svegliatevi-gradirei una risposta.masochismo si muore.

    Report

    Rispondi

  • tarantola

    16 Gennaio 2013 - 21:09

    Stento ancora a capire che cos'è e come sia stato concepito. Di una cosa però sono già molto convinto; che si tratta di una buffonta tipicamente ITALIANA! . .

    Report

    Rispondi

  • maurizio52

    16 Gennaio 2013 - 20:08

    come beccare i disonesti,diciamo che siamo dentro a una dittatura,intanto saremo sempre noi a pagare non certo lor signori

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog