Cerca

Il prezzo di Etihad

Poletti: "In Alitalia 2.500 esuberi"

Tanto chiedono gli emiri in cambio del loro ingresso nella compagnia di bandiera

Poletti: "In Alitalia 2.500 esuberi"


Duemila, no tremila. Da quando è apparso ormai certo che il destino di Alitalia sia legato all'acquisto da parte di Etihad, il pallottoliere degli esuberi chiesti dagli emiri ha sparato i numeri più svariati. A rivelarne la reale stima è stato oggi il ministro del Lavoro Giuliano Poletti. A margine di un convegno in Fondazione Cariplo a Milano Poletti ha spiegato che "c’è una valutazione intorno ai 2400-2500 esuberi. Almeno per quelle che sono le risultanze pubbliche, poi la discussione di merito ci sarà quando Alitalia e le parti discuteranno del piano". L'ipotesi è che circa 800 esuberi possano riguardare il personale di cabina (piloti e assistenti di volo) e il resto il personale di terra.

Intanto la Commissione europea ha rinnovato oggi la sua richiesta al governo italiano di garantire che l’effettivo controllo di Alitalia "resti in mano Ue" e ha sottolineato che potrebbe richiedere alle autorità italiane i documenti che provino la non violazione delle norme Ue nell’operazione Alitalia-Etihad. "La compagnia aerea non solo deve avere una proprietà maggioritaria da parte di interessi Ue, ma anche il suo controllo deve rimanere in mani Ue" ha detto Helen Kearns, portavoce del commissario Ue ai trasporti, Siim Kallas, che è responsabile del dossier Alitalia.

La lettera con cui Etihad Airways dettaglia le condizioni e i criteri per entrare nel capitale di una newco in cui verranno conferite le attività operative di Alitalia, con una quota compresa tra il 45 e il 49% (comunque sotto il 50% per non perdere i diritti di compagnia comunitaria), investendo 560 milioni, è arrivata nelle scorse ore. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • soraman

    04 Agosto 2014 - 12:12

    E brava la Camusso: non concedeva di licenziare boicottatori alla Fiat: com'è finita? Non concedeva di licenziare ladri all'Alitalia: com'è finita? Sarà mica che la "dama" si fa sovvenzionare da quegli stranieri che vogliono comprarci per poco? Meditate genti, meditate...

    Report

    Rispondi

  • sfeno

    25 Giugno 2014 - 20:08

    beh, dove e' il probema....metteteli in cassa integrazione all'80% per 7 anni come l'ultima volta.

    Report

    Rispondi

  • carpa1

    04 Giugno 2014 - 10:10

    "resti in mano Ue".Non mi risulta che Alitalia sia una compagnia europea. Fino a prova contraria si tratta di una compagnia italiana privata, rilevata circa sei annifa, dopo il fallimento della compagnia di bandiera, con i loro quattrini da industriali italiani. Ora, che c'entra l'europa? Ecco un altro motivo, sa ancora ce n'era bisogno, per lasciare questo carrozzone ormai solo una palla al piede

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    04 Giugno 2014 - 08:08

    rendiamo grazie a silvio e ai sindacati, per aver dato una grossa mano al fallimento di alitalia! se l'avessimo venduta ai francesi adesso sarebbe quanto meno una compagnia "normale" invce ora gli arabi ci terranno sempre per le palle con il loro 49%....a dimenticavo grazie anche ai capitani coraggiosi, per il loro sforzo al fallimento, e a lupi che ora canta vittoria e prima era con silvio!!

    Report

    Rispondi

    • fonty

      fonty

      04 Agosto 2014 - 18:06

      Guarda che sei alquanto disinformato, anche Air France chiedeva dei licenziamenti, ma la CGIL con la camusso si era opposta strenuamente, questa la vera causa del fallimento della trattativa, ora invece la camusso ha capito l'antifona e abbozza.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog