Cerca

Allarme patrimoniale

Se hai due case il Pd ti rapina
Così il mercato rischia un -50%

In arrivo una nuova picconata sugli immobili che farà crollare un mercato già sofferente

Pier Luigi Bersani

di Nino Sunseri

Dopo l’Imu arriva la Patrimoniale. Stavolta con la P maiuscola.  Ad annunciarla il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, a «Ballarò». «Non siamo in condizione di ridurre le entrate Imu.  Potremo, però, fare un riequilibrio caricando sui grandi patrimoni immobiliari». Insomma aliquote un po’ più leggere in basso e una scoppola in alto. Ma quanto in alto?  «Dico che a valore catastale con 1,3-1,5 milioni indiscutibilmente siamo in presenza di un grande patrimonio». Ma è davvero così? In realtà basta un appartamento in buona posizione nel centro città e una seconda casa un po’ di pregio per raggiungere agevolmente il target indicato da Bersani. Insomma è in arrivo una nuova picconata che rischia di mandare al tappeto un mercato già fortemente provato. A fornire le cifre è l’Istat: a giugno  (ultima rilevazione disponibile) le compravendite immobiliari erano in calo del 23,7% su base annua a 167.721.  E’ la frenata più forte dal 2008. Con la Patrimoniale di Bersani non sarebbe molto difficile arrivare ad una caduta del 50%. Una mattonata sulla testa di milioni di italiani che hanno investito sulle case i loro risparmi. Già l’Imu è stata devastante. Il direttore generale del Censis, Giuseppe Roma, l’aveva previsto prendendosi del catastrofista: «Per far fronte alla nuova tassazione le famiglie prima di mettere mano ai risparmi metteranno in vendita le seconde case».  Con l’intervento immaginato da Bersani  l’ondata diventerà tsunami. La piccola proprietà edilizia tenderà a disfarsi del patrimonio facendo crollare i prezzi. «Fin quando le famiglie  hanno resistito – avverte il direttore generale del Censis –  nessuno ha venduto e i valori hanno tenuto». Ma adesso il quadro cambia radicalmente. «Ci sono tutte le condizioni - secondo il Censis - perché le famiglie da compratrici possano avere la necessità di vendere». Va anche ricordata la discesa verticale delle nuove costruzioni: - 20,3% nel 2011 secondo l'Istat.

La caduta del mercato ha già avuto riflessi sui prezzi. Secondo la banca dati del Crif (monitoraggio dei crediti) le quotazioni nel corso del 2012 sono scese del 9,3% circa. Un calo senza  precedenti. Nelle altre crisi l’unica conseguenza era rappresentata dall’irrigidimento delle compravendite. Il venditore si fermava in attesa che i valori tornassero a salire. Finora la pazienza ha pagato. Ora accade il contrario.  L’incasso di domani potrebbe essere sensibilmente inferiore all’attuale.  Così il mercato è diventato più elastico ma anche più frammentato. Secondo il Crif a Milano il calo è netto (-12%) mentre Roma tiene (0) e Torino addirittura registra un apprezzamento (+8%). Il calo del mattone in Italia, su queste nuove proporzioni, è un dato molto forte anche perché depurato da fattori emotivi. A differenza di azioni e titoli, le cui oscillazioni sono pubblicate ogni giorno sui giornali, i valori immobiliari non hanno un bollettino. Quindi molti proprietari vivono nell’illusione. Non conoscere esattamente il valore dell’investimento, in fasi calanti, protegge da ulteriori ribassi perché evita l'effetto panico. La Patrimoniale di Bersani romperebbe la pace: la pressione di vendita diventerebbe subito eccitata per evitare la nuova tassa. Scatterebbe l’allarme.  Sarebbe il disastro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • geoandgeo

    17 Gennaio 2013 - 20:08

    Non è forse iniquo tassare gli immobili (unici beni che non possono nascondersi) mentre altre ricchezze no? Ci sono famiglie di sinistra che conosco da decenni, che non fanno che comprarsi BMW,AUDI e Mercedes, vestiti griffati e viaggi a sfinire mentre c'è chi fa più il morigerato e mette da parte per prendere un immobile per affittarlo. Morale io vengo tassato perchè ho la COLPA di non aver speso in beni deperibili. Gli affitti PURE li hanno penalizzati oltremodo! Inoltre risulta CERTO che si vuol spessare le gambe al settore edile: ditte edili,operai,fabbri,falegnami,magazzini edili, aziende di pavimenti,tessili,accessori per la casa, professionisti etc etc... Ma a questa gente chi ci pensa se non lavorano più?

    Report

    Rispondi

  • encol

    17 Gennaio 2013 - 19:07

    Sono gli individui come Bersani e Monti, ad esempio, che si preoccupano di redditometro, di patrimoniali, in una parola di tassare e super tassare stupidamente ma non sono mai andati ad esempio su un sito web di vendite on-line di prodotti, un tempo ( qualche anno fa) fiore all'occhiello dell'Italia come le BORSE. Bene se avessero un po' di amor patria e interesse per le sorti del nostro paese andrebbero a vedere e toccare con mano le cose concrete. Scoprirebbero che 96% delle borse anche di marchi noti sono fabbricate in Cina o genericamente Asia. Sono certo che se leggessero questo post nemmeno capirebbero di che cosa si parla: POVERI IDIOTI.

    Report

    Rispondi

  • Pasmim

    17 Gennaio 2013 - 19:07

    magari di sinistra, che dice agli italiani basta con i privilegi della politica, con il cialtronismo mediatico, con la sregolatezza della PA, con i furti di stato... CE NE FOSSE UNO! Sono 40 anni che il debito pubblico ci assilla e nessuno, dico nessuno (Prodi, Dalema1 e 2, Amato1 e 2 e Monti) ha "SFIORATO" questo SCEMPIO SCANDALOSO! Anzi, hanno inserito nuove commissioni, consulenti e TUTTI hanno detto che la passata gestione ha creato danni al paese. MA A NESSUNO E' VENUTO IN MENTE DI PRENDERE L'ACCETTA E TAGLIARE TUTTI I COSTI ESAGERATI INTRODOTTI DAL GOVERNO PRECEDENTE!!! Quindi diciamoci tutto: La Sinistra TUTTA non sta dalla parte del popolo ma solo dalla loro parte e secondo me SONO TUTTI D'ACCORDO PER USURPARE E SPOLPARE I CITTADINI CHE HANNO SUDATO, COSA CHE LORO (BERSANI INCLUSO) PENSA CHE IL SUDORE SIA DOVUTO ALLA SAUNA!

    Report

    Rispondi

  • arix

    17 Gennaio 2013 - 19:07

    di complessivi mq 160,finita di costruire nel 1972 (quindi 40 anni fa) dopo 3 anni con sacrifici notevoli,facendo la formica e non la cicala, che abbisogna di continua manutenzione,suddivisa in 4 piccoli appartamenti ciascuno di mq 40,verrà considerato da Bersani ricco o molto ricco? E a quanto ammonterà la patrimoniale PROGRESSIVA tenendo conto delle premesse? Oggi,pur avendone le possibilità,chi si avventurerebbe in una operazione di costruzione? Una mia amica che conosce agenzie russe di compravendita immobili mi ha riferito recentemente che i magnati russi non comprano più immobili in Italia!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti