Cerca

La ricetta

Visco e il piano contro l'evasione fiscale

Visco e il piano contro l'evasione fiscale

Vincenzo Visco è tornato e ora detta l'agenda al governo Renzi. L'ex ministro dell’Economia ha presentato oggi alla Camera uno studio condotto dall’Associazione Nens sulle strategie di contrasto ai redditi sottratti al Fisco. Risorse, queste, da poter eventualmente utilizzare per “una drastica riduzione del prelievo”. Visco vuole dichiarare guerra all'evasione per recuperare circa 60 miliardi di euro. Il nemico numero uno per Visco è l'Iva definita "culla dell'evasione". Il gettito attualmente che si stima manchi all’appello – secondo lo studio ed in linea con altre simulazioni analoghe - è di circa 39,5 miliardi. Ma per capire come aggredire questa somma occorre, innanzitutto, conoscere “come si evade”. Sono 15 i diversi sistemi individuati nel testo integrale: 15 modi per non pagare, o pagare meno l’Iva. 

Evasione dell'Iva - Il principale, che sottrae quasi 23,8 miliardi ogni anno, riguarda l’omessa dichiarazione al consumo. Vale a dire da parte di chi, come i negozianti, nell’ultima filiera della vita dell’imposta nasconde l’Iva al Fisco. O non dichiara pur fatturando per apparire meno sospetto di evasione. O ancora chi, ed è il caso più familiare ai cittadini, non applica proprio l'imposta. Altri 9,3 miliardi, spiega lo studio Nens, arrivano dall’omessa dichiarazione non più nella fase finale, ma in quelle intermedie. In altre parole, il possibile gettito Iva si riduce lentamente da un passaggio all’altro. Sarebbe invece di 6,4 miliardi la stima dell’Iva evasa attraverso l’utilizzo “discrezionale delle aliquote”, per esempio acquistando lo stesso bene con una aliquota e cedendolo con un’altra.

Le soluzioni - A questo punto Visco propone le soluzioni per battere l'evasione. Lo studio rileva alcune misure di contrasto che potrebbero trasformare la lotta all’evasione da stanco ritornello della politica ad offensiva reale volta ad abbassare sensibilmente le tasse. A partire dall’utilizzo di un’aliquota unica, in sostituzione della moltitudine che oggi caratterizza il nostro Paese (4, 10 e 22 a seconda dei beni). E accanto a misure più complesse, come l’applicazione di un’aliquota ordinaria (al 22%) agli scambi intermedi proprio per scongiurare l’evasione in questo ciclo di vita dell’imposta o l’applicazione di un diverso metodo di determinazione della tassa (il cosiddetto “base su base”) che insieme potrebbero valere circa 14 miliardi. Lo studi guidato da Visco, come racconta l'Huffingtonpost propone di mettere ad esempio in comunicazione le “casse” dei negozianti direttamente con l’erario. Contante o pagamento elettronico che venga utilizzato, ogni incasso verrebbe automaticamente registrato dal Fisco. Un'altra soluzione per la lotta all'evasione sarebbe l’introduzione del pagamento con carta elettronica delle prestazioni professionali. Infine Visco propone anche la reverse charge o inversione contabile. Facendo sparire cioè tutte le fasi intermedie di versamento dell’Iva e lasciando in campo all’ultimo anello della catena il pagamento dell’imposta.

Messaggio a Padoan - Come arrivare ai quasi 60 miliardi di recupero di evasione? Attraverso un mix delle diverse misure, applicate secondo una tabella di marcia indicata dal governo che, contando sull’effetto “a cascata” anche su imposte sui redditi potrebbe valere 40 miliardi nel 2016, 55,9 milairdi nel 2017, 28,7 nel 2018. Insomma Visco cerca di sostituire Padoan nelle "grazie" di Renzi. E all'inquilino di via XX settembre lancia un messaggio chiaro: "Spero – ha spiegato Visco ai cronisti - che il ministro si renda conto che c’è bisogno di una forte innovazione”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • digiovanni

    18 Giugno 2014 - 11:11

    Riprendo il commento:ecco come si consuma una evasione.Se moltiplichiamo per quante simili operazioni si compiono giornalmente nel paese ci si rende conto di quanta evasione Iva si cumula annualmente.Basterebbe dare possibilità di detrarre il 10% delle spese sostenute dalla famiglie sulla dichiarazione dei redditi per invogliare a pretendere la ricevuta da parte di tutti per lavori eseguiti.

    Report

    Rispondi

  • digiovanni

    18 Giugno 2014 - 11:11

    Non credo poprio che il metodo isco possa far recuperare i miliardi evasi sui consumi.Perchè?L isposta è molto semplce e o spiego cn un spio molo semplice:chiamo l'idraulico,a lavoro finito chiedo quanto devo,L'idraulico mi risponde vuoi la ricevuta? se devo farti la ricevuta è 100 euro altrimenti 70 euro.A me la ricevuta non serve e quindi rispondo senza.A quel punto pago 70 .Continuo......

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    17 Giugno 2014 - 13:01

    Forse la vera innovazione sarebbe mettere direttamente in galera visco perchè causa principale del degrado italiano. Ancora non si vuole capire che la lotta all'evasione dell'iva si combatte "riducendo" drasticamente l'iva, il che,tra l'altro, comporterebbe un immediato aumento dei consumi.Il fatto è che questi comunisti, e visco è stato uno dei peggiori,di economia non ne capiscono un bel niente!

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    17 Giugno 2014 - 09:09

    Ricordiamoci sempre che Visco fu l'inventore dell'imposta più vergognosa , iniqua e cretina al mondo : l'IRAP. Mettendosi con un vecchio arnese di questo stampo Renzi ci delude. La prossima volta altro che 40%!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog