Cerca

Crisi nera

Industria, crollano gli ordini -6,7%
E' la 15esima flessione consecutiva

I dati Istat fotografano una situazione grave. Cresce solo la produzione chimica. La tendenza è sempre negativa. Live crescita per gli ordini dall'estero +1,3%

Industria, crollano gli ordini -6,7%
E' la 15esima flessione consecutiva

L'industria italiana fatica a trovare una via d'uscita dalla crisi. Gli ultimi dati Istat sulla produzione industriale fotografano una situazione critica. A novembre 2012 gli ordinativi   alle industrie italiane sono scesi dello 0,5% rispetto al mese precedente e del 6,7% su base annua. Si tratta del quindicesimo calo tendenziale consecutivo. A novembre la discesa annua e' dovuto alla negativa performance del mercato interno. A novembre il fatturato dell'industria degli autoveicoli su base annua in Italia e' sceso del 9,4%, mentre gli ordinativi hanno registrato un crollo del 18,3%. E' quanto rileva l'Istat diffondendo dati grezzi. Nella media degli ultimi tre mesi  gli ordinativi totali diminuiscono del 3,0% rispetto al trimestre precedente. Le cose però vanno un pò meglio se si prende in considerazione il dato degli ordinativi esteri: sono in crescita dell'1,3 per cento. Gli ordinativi interni invece perdono l'1,8 per cento. Su base annua  il calo interno sale al 13,5 % mentre la crescita degli ordinativi   esteri è del +4,1%. Nel confronto con il mese di novembre 2011 l’unico aumento si   registra nelle fabbricazioni di prodotti chimici (+2,8%), mentre il   calo più rilevante si osserva nella metallurgia e fabbricazione di   prodotti in metallo (-12,1%). 

Disoccupazione record - E le cose non vanno bene nemmeno sul fronte occupazione. Bankitalia ha previsioni nere per i prossimi due anni: "L’occupazione si ridurrà quest’anno (quasi l’1%) e ristagnerà nel successivo. Il tasso di disoccupazione aumenterà, riflettendo anche l’incremento delle persone in cerca di lavoro, toccando il 12 per cento nel 2014". La Banca ha rivisto anche le stime del Pil al ribasso con un calo del 2,1% nel 2012 e del 1% nel 2013, contro lo 0,2% stimato precedentemente per il "peggioramento del contesto internazionale e del protrarsi della debolezza dell’attività nei mesi più recenti". L'incremento ci sarà solo nel 2014 con un + 0,7 per cento.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • enio rossi

    22 Gennaio 2013 - 20:08

    Ed ora, se nonostante il disastro economico-sociale provocato, il Monti torna insieme a Bersani, prepariamoci alle tasse (di almeno il 20%) sulle successioni!! W l'Italia

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    18 Gennaio 2013 - 17:05

    intervento perfettamente riuscito ma il paziente è morto. Dissanguato!

    Report

    Rispondi

  • gioant

    18 Gennaio 2013 - 16:04

    lo si sapeva se lo stato usciva dal contribuire alle imprese era un fallimento,un vero industriale in Italia non è mai esistito,sono sempre stati assistiti dallo stato..quindi il futuro è nero.

    Report

    Rispondi

  • satanik

    18 Gennaio 2013 - 13:01

    e pensare che con Silvio salivano di anno in anno

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog