Cerca

Batosta

Tasse 2014, l'imposta sulle rendite finanziarie aumenta dal 20 al 26%. Ecco chi paga di più

Tasse 2014, l'imposta sulle rendite finanziarie aumenta dal 20 al 26%. Ecco chi paga di più

Domani, martedì primo luglio scatta la mini-patrimoniale: la tassa sulle rendite finanziarie lieviterà fino al 26%. Insomma una stangata in prima regola preparata con cura dal governo Renzi. Si tratta del secondo rincaro in poco meno di due anni (con il governo Monti l'aliquota era già salita dal 12,5% al 20% dal 1 gennaio 2012) che, ha sottolineato più volte l'esecutivo, ci porta in linea con l'Europa sulla tassazione del risparmio gestito. Aumento che comunque non riguarda i risparmiatori che hanno investito in titoli pubblici che rimangono al 12,5%. C'è tempo comunque ancora fino al 30 settembre per scegliere giornata per 'affrancare' il capital gain al 30 giugno.

A chi aumenta l'aliquota - La tassazione passa dal 20 al 26% per i redditi da capitale (dividendi, cedole e interessi di conti correnti, depositi bancari e postali). La misura è automatica, e valida anche per i redditi derivanti da obbligazioni, titoli simili e cambiali finanziarie, maturati a partire dal 1 luglio 2014, indipendentemente dalla data di emissione dei titoli. 

Risparmi -  Anche per il risparmio gestito (fondi comuni, gestioni patrimoniali) il passaggio è automatico e sarà il gestore a calcolare quanta parte dei guadagni è maturata con la vecchia aliquota e quanta dopo il rincaro. La tassazione al 26% sarà applicata a tutti gli strumenti soggetti al rincaro.

Titoli di Stato - Non cambia per i titoli di stato. Resta al 12,5% l'aliquota sui titoli pubblici,(come titoli del debito pubblico, Boc, Bor, Bop, buoni fruttiferi postali emessi dalla Cassa Depositi e Prestiti) e titoli equiparati, emessi da organismi internazionali, nonchè per le obbligazioni emesse da Stati esteri white list e da loro enti territoriali. Per questi ultimi, l'aliquota di tassazione passa dal 20% al 12,5%, con riferimento agli interessi e ad altri proventi maturati a partire dal 1 luglio 2014 e alle plusvalenze derivanti dalla loro cessione o rimborso realizzate dalla stessa data. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • farfallabianca

    01 Luglio 2014 - 06:06

    Bravo Renzi continua continua continua.......forse una parte del 41% degli italiani che ti ha votato prima o poi si accorgerà di aver fatto una str.........!

    Report

    Rispondi

  • zefleone

    30 Giugno 2014 - 18:06

    Unica situazione per far capire a questi ladri: prelevare tutti i nostri risparmi. E credo che personalmente lo farò.

    Report

    Rispondi

    • Chry

      01 Luglio 2014 - 08:08

      Fallo, o sei sempre il solito bananas quaraquaquà...

      Report

      Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    30 Giugno 2014 - 17:05

    Tassare .. tassare e tassare ancora .... però poi dicono che bisogna aumentare i consumi! Misteri finanziari ... italici!

    Report

    Rispondi

blog