Cerca

La ricerca

Ceto medio, dagli Usa all'Australia: dove resiste e dove scompare

Sono una chiave di lettura diversa sull'Italia, i dati del Credit Suiss Wealth Databook 2013 pubblicati dal Sole 24. Dei numeri che raccontano di un'altra faccia del Paese. Si parte dal tramonto della classe media negli Stati Uniti e si scopre che quello che accade in America assume sfumature molte diverse in Europa, Nord America, Asia e Australia. Il giornale di Confindustria si sofferma sulla declino della classe media negli States e spiega come gui la " la terra di mezzo tra super ricchi e nuovi poveri scompare nel dislivello tra un valore medio dei patrimoni sopra i 301mila dollari e un valore mediano che rivela tutta la discesa della (ex?) classe media degli States: neppure 45mila dollari". Insomma qui c'è una forbice ampissima tra i ricchissimi e il ceto medio che si avvicina sempre più ai nuovi poveri. "Il reddito medio è scivolato di quasi 6mila dollari tra 1999 e 2012". 

Se la passa decisamente meglio la classe media australiana: qui la mediana dei patrimoni è pari all'equivalente di circa 220mila euro. Al vertice dei Paesi più ricchi per patrimonio medio, però c'è la prevedibile Svizzera (512.500 dollari Usa), la Norvegia (380.4763), gli Stati Uniti (301.140) e la Svezia (299.441). Accanto a questa classifica c'è anche una sui "patrimonio mediani" che rispecchia la crescita delle classe medie internazionali.  "Qui l'Australia è addirittura prima, con una middle class rinfrescata da nuove generazioni ed "expat" che spinge il valore mediano fino a 219.505 dollari". Al secondo posto c'è la Francia e al terzo l'Italia spinta dal patrimonio immobiliare. Gli Usa sono al diciannovesimo. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • afadri

    28 Ottobre 2014 - 17:05

    probabilmente quei dati resi noti dal Credi Suisse sono frutto di un cervello fuso. Come spesso capita nelle Banche.!

    Report

    Rispondi

  • flikdue

    09 Luglio 2014 - 13:01

    Sarà ........ ma io non sono per niente d'accordo !!!!!!

    Report

    Rispondi

  • marco53

    09 Luglio 2014 - 03:03

    Per favore non diciamo e scriviamo cazz...te! L'Italia è prima al mondo solo per le tasse e per la disperazione di chi lavora e fa impresa. Il resto sono tutte balle, frutto di calcoli e valutazioni oscene.

    Report

    Rispondi

  • milibe

    08 Luglio 2014 - 19:07

    se è un pesce d'aprile siamo fuori tempo………….

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog