Cerca

Agenzia delle Entrate

Fisco, pensionati esclusi dal redditometro

Nel mirino del Fisco finiranno solo i casi di evasione spudorata

Fisco, pensionati esclusi dal redditometro

 

Dopo la polemica sui pensionati che entrerebbero nel mirino del fisco per eventuali incoerenze tra vitalizio e spese mediche, l'Agenzie delle Entrate, come riportato oggi dal Messaggero, ha precisato che "i pensionati, titolari della sola pensione, non saranno mai selezionati dal nuovo redditometro che è uno strumento per individuare i finti poveri e l'evasione spudorata".

Solo casi eclatanti - Per evasione spudorata si intendono "i casi in cui alcuni contribuenti, pur evidenziando una elevata capacità di spesa, dichiarano redditi esigui, usufruendo così di agevolazioni dello Stato sociale negate ad altri che magari hanno un tenore di vita più modesto. A conferma di quanto detto, sia il chiarimento fornito nei giorni scorsi, ossia che già in fase di selezione, le posizioni con scostamenti inferiori a 12mila euro non saranno prese in considerazione; sia la convenzione annuale con il Ministero dell'Economia, in base alla quale l'Agenzia delle Entrate dovrà effettuare ogni anno 35mila controlli utilizzando il redditometro. È ovvio che l'azione sarà efficace se diretta a individuare casi eclatanti e non di leggeri scostamenti tra reddito dichiarato e quello speso".

I sindacati - Soddisfatta la Cisl Pensionati. Dice il segretario generale Gigi Bonfanti: "Il fatto che l'Agenzia delle Entrate abbia voluto sottolineare l'esclusione dei pensionati e comunque delle posizioni con scostamenti inferiori a 12.000 euro dai calcoli riguardanti il redditometro ci sembra una forma di rispetto nei confronti di quella categoria di cittadini con un reddito minimo che già fanno fatica a portare avanti una vita dignitosa e che, con questo nuovo strumento, sarebbero stati costretti a subire l'umiliazione di giustificare anche le più piccole spese". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ziociro0

    26 Gennaio 2013 - 11:11

    ma il prelievo non è alla fonte? chi deve essere controllato è chi sta sotto i 12000€ perche con questa somma non si può vivere quindi c'è neroooooooo

    Report

    Rispondi

  • FRAGO

    22 Gennaio 2013 - 10:10

    Non vedo l'ora di andare in pensione per lavorare al nero!

    Report

    Rispondi

  • asgard

    22 Gennaio 2013 - 07:07

    L'ufficio ancora una volta crea un sistema che costerà più di quanto farà incassare, lo abbiamo già visto altre volte, questo modo terroristico di lotta all'evasone porterà ad un ulteriore congelamento dell'economia che provocherà un immancabile calo degli introiti da IVA ed irpef, conosco gia persone che vanno in svizzera a prenotare vacanze o acquistare regali per la moglie. Meditate gente Meditate

    Report

    Rispondi

  • riddler72

    21 Gennaio 2013 - 15:03

    Ne conosci di pensionati che non contenti dei 1000 e passa euro che prendono al mese, concedono prestiti a tassi agevolati (per gli stessi pensionati sono agevolati) a commercianti e famiglie in difficoltà...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog