Cerca

Debutto al Senato

Agenzia delle entrate, Rossella Orlandi: "Dal 2015 modello 730 precompilato". Ecco tutte le novità"

Agenzia delle entrate, Rossella Orlandi: "Dal 2015 modello 730 precompilato". Ecco tutte le novità"

Un Fisco più "semplice". E' la sfida di Rossella Orlandi, neo-direttore dell'Agenzia delle Entrate, intervenuta nella sua prima audizione al Senato. Tanto per cominciare, il modello 730 precompilato sarà introdotto "in via sperimentale nel 2015 sull'anno di imposta 2014 su una platea molto importante, di circa 20 milioni di cittadini italiani, ma potrebbe crescere". In pratica, "non ci sarà bisogno di effettuare controlli" sui contribuenti mentre saranno i Caf e gli altri enti intermediari a dover "conservare la documentazione". "E' l'amministrazione finanziaria - ha spiegato la Orlandi - che diventa obbligata a raccogliere i dati e a elaborarli e rimane al contribuente la facoltà di controllarne l'esattezza e di accettarla o non accettarla". Certo l'Italia resta un Paese dalla pressione fiscale iniqua e dai bizantinismi inevitabili. Basta leggere casi emblematici per capire come un contenzioso con le Entrate somigli spesso a un processo kafkiano. E che il sistema-Italia sfiori l'assurdo lo ammette la stessa Orlandi: "Io che sono un'esperta di fisco per capire come dovevo fare l'Imu di casa mia ho perso un pomeriggio...".  

Rimborsi Iva più veloci per le imprese "brave" - La Orlandi è anche intervenuta al Senato per la sua prima audizione. Il messaggio è chiaro: bisogna "distinguere tra chi fa errori e chi froda". I buoni propositi non mancano: "Nel 2012 e 2013 abbiamo accelerato i rimborsi Iva sapendo che era carne viva". Su controlli e rimborsi si terrà conto, assicura, dei "comportamenti delle imprese": "Per chi non ha precedenti i rimborsi Iva arriveranno in tempi brevi, per quelle con precedenti di frodi ci saranno controlli più ampi".

Fatture elettroniche e banche dati - "La semplificazione è l'obiettivo primario dell'Agenzia delle entrate per andare verso un sistema equo, efficiente, aperto alle necessità dei contribuenti. Utilizzeremo le banche dati già in nostro possesso - ha proseguito il direttore dell'Agenzia -, con la differenza che finora le usiamo per i controlli ex-post e dall'anno prossimo ne trarremo i dati prima, per fare le dichiarazioni dei redditi". "L'introduzione della fatturazione elettronica e l'utilizzo di banche dati sempre più dialoganti permetterà mi auguro di fare un ulteriore salto di qualità alla fiscalità, penso che nel giro di tre anni nessuno chiederà modifiche a quanto trasmesso dal fisco, c'è ancora da fare e aspettiamo il via libera del parlamento". Tuttavia, ha fatto osservare la Orlandi, "non si deve pensare di risolvere il mondo spingendo un tasto con il computer, l'unica vera ricchezza dell'agenzia sono i suoi uomini e la loro capacità di saper leggere e interpretare quel dato, un patrimonio enorme costituito dalla professionalità delle persone. Le banche dati non risolvono tutto da sole".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antonio pisanti

    31 Luglio 2014 - 17:05

    Se son rosselle... fioriranno ?

    Report

    Rispondi

  • b.ricottini

    30 Luglio 2014 - 17:05

    Per controllare quello che conteggia l'Agenzia delle Entrate occorrerà un'altra consulenza del Commercialista. Perché, dopo ave fatto i conti, l'Agenzianon preleva diretamente il denaro dai nostri conti correnti (loro sanno tutto) e poi ci mandano la ricevta. Solo la ricevuta del denaro rubato, senza modelli precompilati da controllare.

    Report

    Rispondi

  • ninotenaglia

    30 Luglio 2014 - 09:09

    Non bastano le cartelle pazze? Dovremo sempre compilare il 730 per controllare quello precompilato dal fisco!

    Report

    Rispondi

    • highlander5649

      30 Luglio 2014 - 18:06

      il 730 precompilato è carta straccia se nel 730 con cui ho scalato solo le spese mediche mi viene reinviato con gli stessi dati dell'anno precedente e se in quell'anno porto un sacco di cose in detrazione. occorrerebbe poter dedurre tutte le spese soggette a iva e quelle mediche non soggette, l'affitto, le spese edili, cambio mobili allegando le fatture ed i bonifici

      Report

      Rispondi

  • collezionista

    30 Luglio 2014 - 08:08

    Tutte lacrime di coccodrillo! lo sa bene cosa si dovrebbe fare ed INVECE PERSISTE NELL'ERRORE DI MASSACRARE GHLI ITALIANI! AL PEGGIO NON C'E' MAI FINE!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog