Cerca

Il dossier

Evasione, tutti i trucchi utilizzati da chi non paga le tasse

Evasione, tutti i trucchi utilizzati da chi non paga le tasse

Isole Vergini, Bermuda, Olanda e Delaware. Ecco la geografia degli imprenditori e delle società che negli ultimo anno e mezzo hanno evaso il Fisco per tre miliardi e 800 milioni di euro. Il Corriere della Sera ha pubblicato "la mappa" dell'evasione fiscale in Italia spiegando come i soldi vengano nascosti al Fisco attraverso operazioni di "esterovestizione"  grazie al trasferimento di residenze e sedi di società in quei paradisi diventati mete preferite di piccoli imprenditori e liberi professionisti. Un altro versante "caldo" è quello delle operazioni immobiliari e delle ristrutturazioni che ha consentito di accertare un mancato versamento delle imposte pari a quasi 700 milioni di euro. 

I metodi per evadere - Il rapporto della Guardia di Finanza di cui dà conto il Corriere elenca tutti metodi e i luoghi dove finiscono i fondi neri dei quasi 2mila evasori totali e di altre migliaia di cittadini che hanno pagato in tasse solo una minima parte dei loro guadagni. Oltre all'eurovestizione della residenza fiscale di persone fisiche oppure delle società, altro metodo usato è quello della stabile organizzazione occulta di tipo personale e materiale il cosiddetto "traty shopping" con l'abuso delle agevolazioni previste dalle direttive comunitarie; gli acquisti effettuati presso operatori situati in Paesi o territori a fiscalità privilegiata; e ancora la delocalizzazione dei redditi in Paesi a fiscalità privilegiata attraverso società controllate o collegate, infine l'utilizzo dei trust. Sono metodi applicati in passato da grandi marchi ma l'attività svolta dalla Guardia di finanza dimostra come lo stesso sistema sia stato utilizzato da centinaia d'imprese più piccole con effetti gravi per l'economia italiana: 103 sono gli evasori totali individuati in un anno e mezzo, per un'elusione fiscale che sfiora il miliardo e mezzo di euro.  Molti hanno effettuato operazioni illecite all'interno dell'Unione europea utilizzando due sistemi che portano a società residenti in uno Stato membro con fiscalità agevolata. Una cartella esattoriale. 

Le compravendite - Un intero capitolo del rapporto citato dal Corsera è dedicato al "settore delle compravendite immobiliari, delle connesse intermediazioni nonché delle ristrutturazioni e riqualificazioni energetiche del patrimonio edilizio". L'indagine si è concentrata sia sugli acquisti compiuti dai titolari di partita Iva, sia sui bonifici bancari e postali effettuati dai committenti. I risultati hanno fatto emergere attività d'impresa totalmente sconosciute al Fisco e altre che hanno dichiarato redditi inferiori al reale.


Sono 1.304 gli evasori totali, cioè che non hanno versato neanche un euro di tasse pur avendo effettuato decine di interventi. Tra loro anche numerosi mediatori immobiliari che hanno percepito «n nero il compenso per la trattativa tra acquirente e venditore. E poi ci sono coloro che hanno dichiarato cifre molto più basse di quelle  spese per acquisire appartamenti, ville, interi stabili o terreni. Ci sono infinte coloro che hanno dchiarato cifre di gran lunga inferiori rispetto a quelle investite per la ristrutturazione. Dall'altro lato c'è chi ha dichiarato costi superiori a quelli effettivamente sostenuti per ottenere gli sgravi fiscali previsti per utilizza materiali poco inquinanti o comunque energie alternative. Il caso più eclatante contenuto nel dossier è quello di una società con sede in Lombardia "evasore totale" nonostante abbia "ceduto e locato vari immobili per un giro di affari di svariati milioni di euro, è risultata di fatto amministrata da un prestanome già sottoposto a misure restrittive per criminalità organizzata ed è emigrata successivamente nel Regno Unito"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • miami2012

    03 Agosto 2014 - 19:07

    chiedete a GALA come fa'

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    03 Agosto 2014 - 19:07

    Solo i nostri politici hanno una così vasta "parentela" all'estero dove possono imboscare il denaro. Pensate a tutti i beni intestati agli altri ecc... Sveglia GdF analizza il trend di vita dei nostri politici e poi si capiranno tante cose.

    Report

    Rispondi

  • ilsognodiunavit

    03 Agosto 2014 - 19:07

    Mi sono sempre chiesto come possa una persona possedere barche da decine di milioni o ville milionarie, ma che lavoro fanno,se come si legge tutti i lavori oggi sono in rimessa,lungo i fiumi e nei rimessaggi si vedono tutte queste ricchezze alla luce del sole,serve il redditometro per il gelataio a cercare chi spende anche se non potrebbe dalle denunce dei redditi? blocco, penna e prendi le targhe

    Report

    Rispondi

blog