Cerca

Le cifre

Bankitalia, a giugno nuovo record del debito pubblico: 2168,4 miliardi di euro

Bankitalia, a giugno nuovo record del debito pubblico: 2168,4 miliardi di euro

Un altro record negativo. Il debito delle Amministrazioni pubbliche è salito a giugno di 2 miliardi di euro, raggiungendo un nuovo massimo storico a 2.168,4 miliardi. Lo comunica Bankitalia.

Le cifre - Nei primi sei mesi il debito pubblico è aumentato di 99,1 miliardi di euro, riflettendo il fabbisogno della Pubblica amministrazione (36,2 miliardi di euro) e l’aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (67,6 miliardi). Lo comunica sempre Bankitalia che spiega come l’emissione di titoli sopra la pari, l’apprezzamento dell’euro e la rivalutazione dei BTPi hanno contenuto l’aumento per 4,8 miliardi di euro. Le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari in giugno a 42,7 miliardi, in diminuzione del 7,7% (3,5 miliardi) rispetto allo stesso mese del 2013. Nei primi sei mesi dell’anno le entrate sono diminuite dello 0,7% (1,3 miliardi) a 188,1 miliardi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • flikdue

    14 Agosto 2014 - 14:02

    La spesa pubblica e di conseguenza il debito è inarrestabile, i tre salvatori della patria Monti, Letta e Renzi hanno fallito su tutti i fronti !!!!

    Report

    Rispondi

  • binariciuto

    14 Agosto 2014 - 11:11

    Credo che Renzi si trovi, come già Berlusconi, nell'impossibilità di governare un paese ingovernabile grazie ad una carta costituzionale da buttare nel cesso, a poteri tanto straforti quanto ad ora intoccabili come i sindacati, un Sud che mai cambierà in meglio, mille partitini inutili, rissosi e ricattatori, un livello generale di civismo ed intelligenza in caduta libera, il Vaticano in casa.

    Report

    Rispondi

  • luiss_sm

    14 Agosto 2014 - 09:09

    Quando nell'estate del 2011 c'era il governo Berlusconi, che stava per essere rimosso dal complotto ordito dal Presidente, dai banchieri e dalla Merkel, il debito pubblico viaggiava intorno ai 1860 miliardi e tutti i dati economici erano oro colato in confronto a quelli attuali. Buona parte di questi 300 miliardi sono il prezzo di quella sciagurata operazione e ora nessuno grida "fate presto!"

    Report

    Rispondi

  • flikdue

    14 Agosto 2014 - 07:07

    Renzi ...... il terzo salvatore della patria, i primi due hanno fatto una brutta fine, il terzo ce la sta mettendo titta per finire allo stesso modo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog