Cerca

Il piano

Pensioni, il sottosegretario Baretta: salve fino a 2.000 euro al mese netti

Pensioni, il sottosegretario Baretta: salve fino a 2.000 euro al mese netti

Sulle pensioni è caos. Il governo brancola nel buio. Interviste, dichiarazioni di ministri e sottosegretari finora sono finite nel vortice delle smentite e delle marce indietro per evitare allarmismi tra i pensionati. Ma una cosa è certa: il governo ha bisogno di fare cassa e come ha annuncitao il ministro del Lavoro Poletti "un intervento sulle pensioni ci sarà". Palazzo Chgi si affanna a tappare la bocca ai ministri troppo loquaci e così pure Renzi su twitter mette a tecere le voci su probabili piani segreti: "Non ce ne sono". Sarà, ma a quanto pare il governo prosegue a fari spenti sulla strada che porta ad un sostanzioso contributo di solidarietà sulle pensioni. Nell'esecutivo è guerra. Renzi non ha mai escluso un provvedimento simile sulle pensioni assegnate con il sistema retributivo sopra ai 3500 euro netti al mese. Cosa in effetti finirà nella legge di Stabilità si scoprirà entro il 20 ottobre, ma in effetti all'interno del governo le posizioni in merito sono diverse. Già nei giorni scorsi, qualcuno a Palazzo Chigi si è scagliato contro un possibile contributo di solidarietà. Come il viceministro dell’Economia, Enrico Morando (Pd), secondo cui è bene rimandare la questione.

La soglia - Non è dello stesso parere il sottosegretario all'Economia Pier Paolo Baretta che in un'intervista ad Affaritaliani sconfessa la linea del "silenzio" lanciata da palazzo Chigi e parla chiaramente di un intervento sulle pensioni che superano i 2000 euro netti: "Chi guadagna sotto i 2000 euro netti può stare tranquillo". Traduzione: chi percepisce una pensione superiore a quella cifra può cominciare a tremare. Sull'intervento poi Baretta precisa: "In effetti bisognerebbe parlare di netto perché altrimenti 2.000 euro lordi significa 1.200 netti...". Poi il sottosegretario dopo aver parlato della cifra tira il freno a mano: "Contributo di solidarietà? Al momento non è previsto. C'è una discussione aperta e che è stata introdotta ma in ogni caso quello di cui si discuteva erano le pensioni alte e non le pensioni in generale". Ma quella soglia dei 2000 euro netti comincia a diventare un tormentone inquietante...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tacos

    27 Agosto 2014 - 16:04

    Un Paese che punta a decurtare Pensioni e Stipendi e aumentare le tasse sulla Prima Casa lasciando per Politici e Boiardi Pensioni che vanno molto oltre fino all'arricchimento puro. Il Paese non ha capito che con questo sistema e con questa filosofia autodistruttiva iniziata da Monti andremo sempre più verso la recessione e disoccupazione mettendo a rischio anche i super privilegi dei Lor Signori

    Report

    Rispondi

  • konrad23

    27 Agosto 2014 - 11:11

    Sicuramente c'è MALAFEDE, soprattutto, purtroppo, negli organi di informazione, ahimè, compreso Libero. Ma come è possibile che tutti continuino a perpetrare l'errore di considerare le pensioni un "regalo" dello Stato (e, quindi, passibile di qualsivoglia intervento di pseudosolidarietà) e non una forma di risparmio (per di più OBBLIGATORIO) accumulato nel tempo con soldi propri?

    Report

    Rispondi

  • Beppe.demilio

    20 Agosto 2014 - 22:10

    Tutti a Roma e cacciamo gli infami TRADITORI! Non hanno mai separato pensioni dall'assistenza e seguitano a prenderci per il culo. Italiani sfruttati per mantenere una classe dirigente peggiore al mondo ,e milioni di immigrati e zingari. Il peggio è in arrivo perché chi governa vuole farci scomparire. Siete morti e fingete di non esserlo perché siete senza palle! SVEGLIA!!!

    Report

    Rispondi

    • 27 Agosto 2014 - 13:01

      Hai perfettamente e maledettamente ragione, ma bisogna reagire associandoci.....umberto

      Report

      Rispondi

  • dueguidri

    20 Agosto 2014 - 20:08

    I nostri governanti si ricordano di quante persone che oggi percepiscono la pensione hanno effettivamente versato contributi per i famosi 40 anni? Come mai non si mettono le mani su quelle di coloro che non hanno mai o qualsi versato nulla? Si fa un gran calderone tra le varie gestioni senza dividere previdenza da assistenza? E' come se una banca prendesse da un cc in attivo per coprire uno rosso

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog