Cerca

L'amministratore delegato nei guai

Eni, indagato Descalzi per tangenti in Nigeria

Eni, indagato Descalzi per tangenti in Nigeria

Claudio Descalzi, nuovo amministratore delegato di Eni, sarebbe indagato dalla procura di Milano per corruzione internazionale. Lo scrive oggi il Corriere della Sera, spiegando che le accuse sarebbero riferite a fatti accaduti in Nigeria, dove il colosso dell’energia, avrebbe chiesto una maxi tangente su una concessione petrolifera. Secondo il quotidiano la ’Southwark Crown Court’ di Londra avrebbe sequestrato in via preventiva all’intermediario nigeriano Emeka Obi due depositi anglo-svizzeri di 110 e di 80 milioni di dollari, «un quinto - scrive il Corriere - del prezzo di 1 miliardo e 90 milioni di dollari che l’Eni nel 2011 (con Paolo Scaroni amministratore delegato e Descalzi capo della divisione Oil) pagò al governo di Lagos per rilevare dalla società nigeriana Malabu la concessione di Opl-245, sigla del campo di esplorazione petrolifera la cui concessione nel 1998 l’allora ministro del Petrolio nigeriano Dan Etete si era autoassegnato (dietro prestanome della società Malabu) al saldo di 20 milioni». Nell’ambito della stessa inchiesta sarebbero indagati anche l’ex ad di Eni, Paolo Scaroni, Luigi Bisignani e il nuovo capo della divisione Esplorazioni, Roberto Casula.

La replica di Eni - Da parte sua l'Eni ha replicato ribadendo che "in relazione all'indagine preliminare avviata dalla Procura di Milano sull’acquisizione del blocco OPL 245 avvenuta nel 2011, Eni ribadisce la sua estraneità da qualsiasi condotta illecita". Eni sottolinea "di aver stipulato gli accordi per l'acquisizione del blocco unicamente con il Governo Nigeriano e la società Shell. L’intero pagamento per il rilascio a Eni e Shell della relativa licenza è stato eseguito unicamente al governo nigeriano. Eni prende atto che, da documenti notificati ieri alla società nell’ambito di un procedimento estero che dispone il sequestro di un conto bancario di una società terza su richiesta della Procura di Milano, risultano indagati presso la Procura di Milano l’Amministratore Delegato e il Direttore Operazioni e Tecnologie". E ancora: "Eni sta prestando la massima collaborazione alla magistratura e confida che la correttezza del proprio operato emergerà nel corso delle indagini".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • massimodori

    13 Settembre 2014 - 01:01

    Tafazzi.....

    Report

    Rispondi

  • arwen

    11 Settembre 2014 - 19:07

    Che scandalo...Ma pensate, le multinazionali pagano tangenti ai governi o ai governanti locali per avere dei vantaggi?! Che scandalo! Sicuramente gli americani, gli inglesi e i francesi, per non parlare dei cinesi, non lo fanno! Ma perchè la magistratura non pensa a fare il proprio lavoro qui, invece di renderci ridicoli in giro per il mondo?

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    11 Settembre 2014 - 15:03

    Non esistono accordi internazionali d'alto livello a costo zero. Le tangenti sono una consuetudine necessaria per qualsiasi conclusione positiva. La mia esperienza contempla anche un caso d'una importante infrastruttura regalata ad uno stato molto povero, che, per essere realizzata, ha richiesto il pagamento della tangente. Alti funzionari si lamentavano delle esagerate richieste, fino al 60%.

    Report

    Rispondi

  • albettone

    11 Settembre 2014 - 14:02

    E bravo zhoe 248. Hai perfettamente ragione. Ma "noi" vogliamo essere puri e casti al punto di evirarci per fare un dispetto alla moglie. Vedi il caso Finmeccanica; chi era in agguato per portarci via la forntura di elicotteri all' India? I francesi che in questi garbugli (nessari se vuoi aver successo) sono piu' furbi di noi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog