Cerca

Il vice di Juncker

Jyrki Katainen risponde a Renzi: "Nessuna lezione"

Jyrki Katainen risponde a Renzi: "Nessuna lezione"

Questa mattina Matteo Renzi ha commentato gli ultimi moniti delle istituzioni europee sottolineando che "l'Italia non ha bisogno di lezioni". Le risposte non si sono fatte attendere. Jyrki Katainen, commissario agli Affari Economici e Monetari e prossimo vicepresidente del nuovo esecutivo Ue a guida Juncker, ha risposto così al presidente del Consiglio: "La Commissione Ue non è un maestro, noi siamo collaboratori. Stiamo solo valutando quanto bene i diversi Paesi stanno rispettando i loro impegni e quanto promesso verso gli altri Stati membri".

Draghi - Un incontro, quello dei ministri delle Finanze dell'Eurozona, fortmente incentrato sulla necessità per i singoli Paesi di approvare e implementare le riforme strutturali. Concetto ribadito con forza anche dal presidente della Bce Mario Draghi, presente all'incontro: Per "far si' che tornino gli investimenti", ha spiegato il numero uno dell'Eurotower, serve "fare riforme strutturali più ambiziose. I paesi dovranno affrontare le raccomandazioni specifiche in maniera determinata"

Dijsselbloem - Dal vertice dell'Eurogruppo esce un accordo tra i ministri delle finanze dell'Eurozona ad accelerare sul fronte della riduzione delle tasse sul lavoro."Ridurre il cuneo fiscale è una delle principali riforme che renderà le nostre economie più competitive", ha spiegato il presidente Jeroen Dijsselbloem.

Padoan - In mattinata una parziale rassicurazione ai partner europei era arrivata dal ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, con l'assicurazione che il nostro Paese rispetterà il tetto del 3% nel rapporto tra deficit e Pil. "Come la stessa Bce ammette nel bollettino il quadro macro è molto peggiore di sei mesi fa e c'è un'ovvia meccanica implicazione per i conti pubblici, noi rispetteremo gli impegni presi", ha detto Padoan. "Il target del 2,6% - ha aggiunto - era l'obiettivo compatibile con un quadro macro diverso, lo ripeto: noi rispetteremo i vincoli".

"Parigi è Parigi" - A chi gli chiedeva se il rispetto del vincolo del 2,6% nel rapporto deficit-pil volesse dire una manovra correttiva, Padoan ha così risposto: "Stiamo lavorando alla legge di stabilità che, per definizione, impatta sui conti, quando avremo i numeri sarete i primi a saperlo". "Parigi è Parigi". Così il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan risponde ai giornalisti che gli chiedono cosa ne pensi della richiesta che la Francia intende fare per ottenere una deroga al tetto del 3% del deficit. "Noi lo rispetteremo" ha aggiunto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piero2556

    14 Settembre 2014 - 17:05

    nella vita serve coraggio, purtroppo quelli che noi chiamiamo politici sono i cittadini peggiori del nostro paese, occorrono tagli, le nostre opere costano di più? il nostro lavoro costa di più? non facciamoci prendere in giro non è per il lavoro nero o per le tangenti, è per i costi della nostra burocrazia e del nostro sistema parassitario di garantire e sostenere l'improduttività,

    Report

    Rispondi

  • spalella

    13 Settembre 2014 - 16:04

    Renzi dice No Lezioni sulle Migliaia di Politici che Infettano i Consigli delle soc Pubbliche ? No lezioni sulle migliaia di Enti Inutili ? No lezioni Sugli appalti che costano il 40% in più della Media UE ? No lezioni sulle Consuelnze Truffa ? No lezioni sui Costi della Sanità, della Politica e della Burocrazia ? sul Milione e 1/2 di politicanti ? Infatti, piu' che LEZIONI serve la ''forca''.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    13 Settembre 2014 - 15:03

    Katainen BATTE Renzi. Non solo nella Sostanza ma anche nello Stile. La sostanza è ben nota a noi cittadini italiani : VIVIAMO in una TRUFFA LEGALIZZATA da DECENNI da una sequela di PARLAMENTI DISONESTI del PCI-DC e del Pd-Pdl. Anche lo stile Nord Europeo è di qualità superiore.... Non Arroganza-Prepotenza nei toni, ma pacato Ragionamento. Non Bestiali Dogmi Catto-Italici, ma La Civile Ragione

    Report

    Rispondi

  • fossog

    13 Settembre 2014 - 15:03

    Katainen BATTE Renzi. Non solo nella Sostanza ma anche nello Stile. La sostanza è ben nota a noi cittadini italiani : VIVIAMO in una TRUFFA LEGALIZZATA da DECENNI da una sequela di PARLAMENTI DISONESTI del PCI-DC e del Pd-Pdl. Anche lo stile Nord Europeo è di qualità superiore.... Non Arroganza-Prepotenza nei toni, ma pacato Ragionamento. Non Bestiali Dogmi Catto-Italici, ma La Civile Ragione

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog