Cerca

La mossa

Flessibilità, il piano segreto dell'Ue per salvare l'Italia

Flessibilità, il piano segreto dell'Ue per salvare l'Italia

Dopo le scintille tra Matteo Renzi e il vice presidente della Commissione Ue Katainen, per il governo il rapporto con l'Europa si fa in salita. Palazzo Chigi e il Tesoro provano a scongiurare una manovra correttiva in autunno, ma a Bruxelles è massima allerta. Gli euroburocrati studiano i conti italiani e preparano un paracadute qualora la situazione dovesse precipitare. Così spunta un documento finora tenuto riservato che è sul tavolo dei ministri del Tesoro europei. A predisporlo, come racconta il Messaggero, sono stati i servizi tecnici della Commissione Ue. Viene tradotta nero su bianco quella flessibilità che da tempo Renzi e Padoan chiedono a Bruxelles. Secondo il dossier della Commissione lo sforzo di correzione strutturale dei conti per il 2015 al quale Roma verrebbe chiamata potrebbe essere abbassato dallo 0,5 per cento allo 0,1 per cento. In ballo c'è uno sconto di circa 6 miliardi che potrebbero essere vitali per evitare il disastro all'Italia.

Il piano - La clausola di flessibilità prevede che l'aggiustamento possa essere maggiore nei periodi favorevoli e più limitato in quelli sfavorevoli per i trend economici. Secondo Bruxelles la condizione sfavorevole si avrebbe quando si realizzano tre evnti: l'economia va male, il Paese ha un debito-Pil superiore al 60 per cento e un output gap compreso tra -1,5 per cento e -4 per cento del Pil. E a quanto pare l'Italia soddisfa tutti e tre i parametri. E così adesso il governo spera che il dossier possa diventare un provvedimento strutturale su cui basare anche le stime dei prossimi trimestri. Nel 2015 attestarsi allo 0,1 per cento che sul previsto 0,5 per cento permetterebbe di guadagnare una spazio di manovra di 6 miliardi di euro. Ma rispettando comunque la soglia nominale del 3 per cento. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marari

    13 Settembre 2014 - 15:03

    ,,@Sandoz@- Esatto, vogliono completare la disfatta, ma se Renzi fosse furbo dovrebbe minacciare di uscire dall'Euro .

    Report

    Rispondi

  • marotta2

    13 Settembre 2014 - 14:02

    sic , l'Italia è già tecnicamente fallita , il cerino in mano è rimasto a Renzi , che ha voluto usurpare la poltrona a Letta , quindi pensi lui a gestire il cerino . O pensa alle elezioni anticipate per togliersi il cerino dalle mani ? I politici ...gente furba .3% ..SFORARE , FISCAL COMPACT...RIGETTARE , DEBITO PUBBLICO ...pretendere un fondo perduto di 200 o 300 Miliardi , altrimenti FALLIMENTO

    Report

    Rispondi

  • arwen

    13 Settembre 2014 - 12:12

    Tempi duri per noi poveri pecoroni italiani. Abbiamo ascoltato sirene per troppo tempo e per troppo tempo abbiamo permesso a una casta composita di dominare incontrastata. Prima Silvio, poi Matteo, la misura è colma, il tempo scaduto. La festa è finita, è ora di pagare i conti e fare le pulizie. Tranquilli, però, i vitalizi di Matteo e co. sono al sicuro, non saranno mai loro a pagare!

    Report

    Rispondi

  • sandoz

    13 Settembre 2014 - 11:11

    Pur di tenerci nell'euro sono disposti a chiudere un occhio; la chiamano flessibilità. Ma fa comodo solo ai crucchi per fottere le nostre manifatture e avantaggiare la loro. Collaborazionisti.

    Report

    Rispondi

    • sinceramente

      13 Settembre 2014 - 13:01

      Motto imperativo "Fuori dall'euro!" Vedrai dopo come la germania ci correrà dietro

      Report

      Rispondi

blog