Cerca

Il dramma nei numeri

Inps, l'allarme di Vittorio Conti: "Per i giovani pensioni inferiori fino al 20%"

Inps, l'allarme di Vittorio Conti: "Per i giovani pensioni inferiori fino al 20%"

Pensioni a fortissimo rischio per chi oggi ha 20 anni e inizia a lavorare. La previsione, facile, visti i conti dell'Inps e gli indicatori economici attuali, risulta comunque drammatica perché ad esprimerla è lo stesso Vittorio Conti, commissario straordinario dell'Istituto previdenziale italiano. "Il Pil ha un peso rilevante sulla pensione - ha spiegato Conti -. Se un giovane entra nel mercato del lavoro e vive in un contesto caratterizzato da un crescita di lungo periodo del Pil intorno allo 0,5% all'anno o vive in un contesto con una crescita del Pil dell'1,5% all'anno, le differenze saranno rilevanti sul piano della prestazione pensionistica. Nel primo caso avrà una pensione inferiore anche del 20% rispetto a quella che percepirebbe nel secondo caso".

Più flessibilità in uscita - Anche considerati questi dati, spiega il commissario, si renderà inevitabile una riforma pensionistica all'insegna della flessibilità, consentendo per esempio come proposto dal ministro del Welfare Giuliano Poletti di scegliere quando andare in pensione una volta raggiunta una certa quota di contributi. "Con le varie riforme abbiamo innalzato l'età lavorativa - aggiunge Conti -, ed è stato un successo dal punto di vista della sostenibilità finanziaria; ora si tratta di rendere il sistema più flessibile, perché non tutti i lavoratori sono uguali. Ad esempio un minatore non può lavorare fino a 80 anni. In base alla contribuzione raggiunta si può decidere se andare avanti o meno".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bfrizzante

    17 Settembre 2014 - 15:03

    buonanotte .... ora si chiama IMPS e non più INPS?

    Report

    Rispondi

  • Chry

    17 Settembre 2014 - 03:03

    Serve ridistribuire il capitale, serve una bella patrimoniale, è inutile che si spremono i cittadini più poveri tanto quanto chi è ricco, di deve fare una proporzione e pagare in base al reddito, il denaro non si crea, si sposta in modo disomogeneo e a scapito dei bisognosi

    Report

    Rispondi

  • sempre-CDX

    16 Settembre 2014 - 16:04

    che erroraccio unificare INPDAP a INPS. Tagliano ai giovani per pagare le mega-ultra-super pensioni a politici e dirigenti statali. Un giovane dovrebbe crearsi la pensione integrativa obbigatoria per lasciar pagare dallo stato pensioni d'oro fino a 90.000e mensili ?

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    16 Settembre 2014 - 12:12

    Inps: un carrozzine al default... ma quando prenderemo un bastone e li mandiamo tutti a casa? a noi le briciole, loro hanno pensioni d'oro, vitalizi, superstipendi... ma si può andare avanti così?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog